House of Cards 6 sarà l’ultima stagione. Ma è in arrivo uno spin off

Dopo le accuse a Kevin Spacey Netflix ha confermato che House of Cards 6 sarà l'ultima stagione. Ma presto potrebbe arrivare uno spin off.
House of Cards 6 sarà l’ultima stagione. Ma è in arrivo uno spin off

Nello stesso giorno in cui Netflix ha annunciato il finale di House of Cards, arriva anche la conferma che il servizio di streaming più noto al mondo e la società produttrice Media Rights Capital stanno sviluppando diverse idee per consentire in qualche modo un proseguimento della serie, pur facendo a meno di Kevin Spacey.

La notizia ha cominciato a trapelare dopo che lo scorso 30 ottobre Netflix ha reso nota la decisione di chiudere una delle sue serie di maggior successo, comunicando che la sesta stagione (attualmente in fase di produzione) sarà l’ultima ad essere trasmessa. Una decisione venuta alla luce dopo le accuse di molestie sessuali su minore rivolte da Anthony Rapp a Kevin Spacey, sebbene pare fosse stata programmata da tempo.

Se all’inizio le idee su prosieguo alternativo di House of Cards sembravano solo infondate voci di corridoio dovute allo shock della notizia, adesso si fa sempre più strada l’idea di uno spin-off, sul quale i vertici creativi dell’azienda starebbero già lavorando.

Una delle opzioni più appetibili per i fan e per la produzione è quella di incentrare la nuova storia sul personaggio di Doug Stamper (interpretato da Michael Kelly), braccio destro del protagonista Frank Underwood (Kevin Spacey). Tutte le altre possibilità prese in considerazione girano intorno ai personaggi che abbiamo già conosciuto nelle prime cinque stagioni della serie originale, sebbene si potrebbe anche optare per una prosecuzione della storia tramite più linee narrative parallele.

Addirittura, si fanno già ipotesi riguardo al copione. Pare ci sia infatti una sceneggiatura già scritta da Eric Roth (screenplayer di Forrest Gump), incentrata proprio sull’implacabile capo di gabinetto del Presidente Underwood. Roth è stato produttore esecutivo delle prime quattro stagioni del political thriller e tornerebbe molto volentieri a collaborare su un progetto in qualche modo riguardante la serie.

Pare quindi confermato: anche senza Spacey, House of Cards continuerà. In pentola bolle più di qualcosa…