Regola del piatto, come mangiare in modo sano e completo: il trucco poco conosciuto

Ecco quel che non deve mai mancare nei nostri pasti principali
- - Ultimo aggiornamento
loading

L’estate è alle porte e come da tradizione fioccano diete “miracolose” da ogni dove. In questo periodo dell’anno molte persone vogliono rimettersi in forma e provano qualsiasi dieta nella speranza di esibire in spiaggia un fisico almeno decente. Oggi vi proponiamo un trucco forse poco conosciuto: la regola del piatto. Questa prevede la sinergia dei tre macronutrienti essenziali: carboidrati, proteine e grassi buoni.

Leggi anche: >> DIETA PER I PIGRI: COME PERDERE PESO ANCHE CONTROVOGLIA

Regola del piatto, come funziona

La regola del piatto si basa sulle tre percentuali che dovrebbero formare ogni nostro pasto nella sua totalità. Come riporta anche Chedonna.it, ogni pasto dovrebbe essere composto da un 50% di verdure, 25% di proteine e 25%  di carboidrati. A questo chiaramente bisogna aggiungere il condimento. A tal proposito si consiglia l’assunzione di grassi buoni, come l’olio extravergine d’oliva.

Un pasto così composto ci garantisce l’apporto corretto di tutte le sostanze di cui il corpo ha bisogno nel corso della giornata. Ovviamente a questo tipo di regime alimentare bisogna affiancare anche una corretta attività fisica. Ma quali cibi fanno parte delle diverse categorie che compongono la regola del piatto?

Quali cibi assumere?

Nei carboidrati rientrano sicuramente i cereali (riso, avena, orzo, farro, segale ecc…). Tutti questi sia sotto forma di farine e derivati, quindi pasta o pane, sia nella loro versione in chicco. Discorso a parte per la frutta: negli spuntini e per arricchire la colazione va benissimo quella fresca.

Nelle proteine quelle animali come carne, latticini, pesce, uova, ma anche quelle vegetali, ovvero legumi, tofu, tempeh, seitan e okara. È importante inserire una proteina nei pasti prinicpali per mantenere una condizione di calma insulinica.

Per quel che riguarda i grassi buoni, il re è l’olio extra vergine di oliva. Ottimo per condire un piatto di verdure, assicurarsi l’assimilazione delle vitamine liposolubili e una buona dose di vitamina E, per una pelle luminosa e giovane. Una valida alternativa sono la frutta secca e i semi, da utilizzare per arricchire gustose insalate ma anche come spuntino o in accompagnamento alla colazione. I grassi buoni si trovano anche nell’avocado, nel cocco e nel cioccolato fondente.

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Loading...