Via Francigena, il percorso termale poco conosciuto

Tra le bellezze della via Francigena da scoprire ci sono anche terme presso le quali provare trattamenti la cui efficacia è riconosciuta pure dal Ministero della Salute.
- - Ultimo aggiornamento
Via Francigena, il percorso termale poco conosciuto

La Tuscia viterbese è tutta da scoprire, e da marzo 2022 nasce un nuovo punto di riferimento per potersi innamorare del suo patrimonio storico e naturalistico. Un tratto di via Francigena riorganizzato con oltre 60 realtà riunite per la nuova DMO del centro Italia.

È ‘La Francigena e le vie del gusto in Tuscia’ che propone nuove idee di turismo per vivere e scoprire da vicino l’intero microcosmo di quell’area del Centro Italia, scrigno di storia e patrimonio, che circonda Viterbo. Un progetto che integra digitale e patrimonio per dare nuovo respiro a un tratto di cammino unico al mondo e candidato bene UNESCO.

LEGGI ANCHE : >> INTERVISTA A IVANA PAGLIARA, DESTINATION MANAGER DELLA DMO ‘LA FRANCIGENA E LE VIE DEL GUSTO IN TUSCIA’

Il percorso termale della via Francigena

Tra le bellezze della via Francigena da scoprire c’è sicuramente il percorso termale. Il connubio inconfondibile di un ambiente naturale incontaminato, la presenza di riserve naturali e parchi, i laghi, le sorgenti termali con le straordinarie testimonianze storico-artistiche rendono questo tratto di via Francigena tra i più suggestivi d’Europa.

Le Terme della via Francigena offrono il relax di cui i clienti hanno bisogno. Trattamenti estetici, ma anche un valido aiuto alla salute: è questo il caso dell’acqua salsa di Pilo, idonea per curare patologie respiratorie e gastrointestinali. Queste terme vengono alimentate dalle acque piovane raccolte dalle Apuane. Il tutto, come riporta Siviaggia.it, sgorga dal sottosuolo, con una temperatura compresa tra i 22 e i 27°C.

Trattamenti riconosciuti dal Ministero della Salute

Ci sono poi strutture che offrono trattamenti per patologie gastrointestinali, muscolo-scheletriche, otorinolaringoiatriche e locomotorie. Altre, grazie ai principi attivi di zolfo e bromo, danno invece la possibilità ai turisti di curare malattie artroreumatiche e respiratorie, così come le affezioni della pelle.

E ancora, nell’alta Maremma Toscana, è possibile per i pazienti con patologie dermatologiche effettuare trattamenti contro la psoriasi. Si tratta di trattamenti validi e riconosciuti persino dal Ministero della Salute, che ha confermato l’efficacia dei bagni in queste splendide acque.

Foto: via HF4