Trigliceridi alti, i cibi da evitare: la black list degli alimenti più pericolosi

Con i trigliceridi alti non si scherza, e un ruolo fondamentale è giocato, come al solito, dall'alimentazione. Ecco quali sono i cibi da evitare se ci si trova nella condizione di avere valori preoccupanti di trigliceridi.
- - Ultimo aggiornamento
loading

I trigliceridi alti sono una condizione che molte persone si trovano a dover fronteggiare. Come al solito molto parte dall’alimentazione. Per questo motivo ci sono alimenti certamente da evitare.

Che cosa sono i trigliceridi?

Innanzitutto i trigliceridi sono molecole costituite da una molecola di glicerolo e tre molecole di acidi grassi. Nel nostro corpo svolgono principalmente la funzione di riserva energetica e proteggono dalle basse temperature facendo da isolante termico.

Leggi anche: INFARTO, QUESTO FRUTTO RIDURREBBE IL RISCHIO DI ATTACCO IN POCHE ORE

I rischi dei trigliceridi alti

Sono quindi fondamentali per la nostra salute, ma i trigliceridi alti possono rivelarsi un incredibile boomerang per l’organismo. Sono infatti collegati a un valore importante di colesterolo LDL, quello “cattivo”. Ciò può portare alla sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumentano il rischio di sviluppare patologie varie, tra le quali diabete e quelle cardiovascolari.

I cibi da evitare se si hanno i trigliceridi alti

Se soffriamo di trigliceridi alti ci sono alimenti che dovremmo evitare come la peste. Vediamo quali sono. Innanzitutto zucchero e fruttosio, così come l’alcol e le farine bianche e raffinate.

Va da sé che pure burro e lardo non sono alleati della salute se si ha i trigliceridi alti. Si tratta infatti di due prodotti di derivazione animale ricchi di grassi.

Come riporta il sito Viversano.net, l’elenco prosegue con bevande zuccherate e succhi di frutta. Gli zuccheri sono dannosi per due motivi: alterano il metabolismo glucidico e contengono fruttosio. Le bevande zuccherate e i succhi di frutta sono ricchi di zucchero e, al tempo stesso, non contengono né fibre né altre componenti benefiche che permetterebbero di limitare l’aumento dei livelli di glucosio nel sangue.

Addio alle fritture e ai dolci

Limitiamo anche i prodotti da forno contenenti “grassi vegetali”, le frattaglie animali, carni animali ricche di grassi e insaccati grassi.

Gli amanti delle fritture faranno fatica a rinunciarvi, ma se si ha i trigliceridi alti non si può fare altrimenti. Durante la frittura gli oli vegetali sono esposti a temperature molto elevate: ciò fa sì che gli acidi grassi si trasformino dalla conformazione “cis” alla conformazione “trans”.

Da limitare anche il consumo di miele, marmellata e frutta candita e, manco a dirlo, di dolci.

Foto: Shutterstock