Non mangiare la punta del cono gelato, il grave rischio per la salute

Foto
Se siete tra quanti amano la punta del cono gelato, sappiate che il boccone è più amaro di quel che potreste pensare
- - Ultimo aggiornamento
loading

Cono o coppetta? Se la vostra risposta è il primo, sappiate che è meglio non mangiarne la punta. Almeno non di quelli confezionati. Parola di Bert Weckhuysen, chimico dell’Università di Utrecht: il cioccolato che si trova in quella parte del cono sarebbe ricco di grassi saturi.

Leggi anche : >> IN QUESTI CIBI C’È DAVVERO TROPPO ZUCCHERO NASCOSTO: LA BLACK LIST

Quello che molti considerano il momento più gustoso di un gelato, si rivela essere il più dannoso per la nostra salute. I grassi saturi che, come dimostrato da diverse ricerche scientifiche, posso essere responsabili di alti livelli di colesterolo nel sangue. Ma perché proprio quella parte di cono ne conterrebbe una quantità tale da essere nociva?

Leggi anche : >> GELATO A DIETA, IL TRUCCHETTO PER NON INGRASSARE

Il motivo è da addursi alla fusione del cioccolato nella tecnica chiamata idrogenazione che serve a cambiare il punto di fusione di questo gustoso alimento e far si che non sia né troppo liquido né troppo solido quando conserviamo il cono gelato in freezer.

La punta del cono sarebbe quindi un boccone decisamente amaro, a meno che non si tratti di un gelato artigianale!

Crediti foto@shutterstock

Guarda la photogallery
Cono gelato? attenti alla punta
il pericolo
L'idrogenazione del gelato confezionato
scegliere quello artigianale