Listeria, virus mortali e verdure congelate: ecco cosa fare per evitare ogni rischio. Cosa dice l’esperto

Foto
Il batterio Listeria continua a far paura: come evitare rischi di contaminazione? Attenzione a frutta e verdure congelate
- - Ultimo aggiornamento
loading

Partito dal Belgio, l’allarme listeria sta coinvolgendo anche altri Paesi europei. Dopo il ritiro di alcuni lotti di minestrone e verdure surgelate, a causa di una possibile contaminazione, il rischio è che si diffonda una vera e propria psicosi.

Spesso i sintomi si confondono con quelli di una banale influenza, ma una volta diagnosticata l’eventuale infezione, basta seguire una terapia farmacologica mirata a base di antibiotici.

In alcuni casi, però, il batterio può avere conseguenze nefaste e anche se si tratta ancora di malattia considerata rara, il tasso di mortalità in Europa ha sfiorato il 15% negli anni passati.

Come difendersi dunque davanti al rischio di contaminazione? Basta cucinare gli alimenti! E questo perché la listeria che resiste alla basse temperature, si debella invece con quelle alte: “Siccome immagino che nessuno di voi abbia l’abitudine di mangiare il minestrone congelato senza prima averlo fatto bollire per alcuni minuti, siete al sicuro: la listeria non sopravvivrà più di qualche secondo” ha spiegato su Facebook il dottor Roberto Burioni, noto medico e docente di virologia e microbiologia.

Ma se basta cuocere il prodotto prima di consumarlo, le aziende produttrici hanno sbagliato a ritirare i lotti potenzialmente contaminati da listeria? Per Burioni, no: “È sempre meglio eccedere in sicurezza e mettere al primo posto la protezione del consumatore”.

Dunque, non buttate via le vostre verdure congelate e soprattutto ricordate le parole dell’esperto: “La cottura non rende i cibi solo più gustosi: li rende anche più sicuri”.

Ad avvalorare la tesi per cui non si possono consumare crude verdure prima congelate, anche Antonello Paparella, microbiologo della Facoltà di Bioscienze e tecnologie agroalimentari e ambientali dell’Università di Teramo. Su Ilfattoalimentare.it, ha spiegato che “frutta e verdure surgelate vanno sempre cotti prima di essere usati in cucina. Non possono essere assimilati a prodotti freschi e venire usati come ingredienti di estratti, centrifugati o insalate”

Guarda la photogallery
Verdure congelate
Allarme Listeria
Le parole dell'esperto
Cuocere gli alimenti
+1