Chi non si ammalerà mai di Coronavirus: ecco i soggetti subito immuni, lo studio

Uno studio californiano fa ben sperare, ma è ancora presto per gioire: ecco chi sono coloro che non si ammaleranno mai di Coronavirus. Immunità garantita dal raffreddore? Qui i dettagli
- - Ultimo aggiornamento
loading

Coronavirus, immunità con il raffreddore? Lo studio

Viene direttamente da oltreoceano una ricerca che fa certamente ben sperare anche se con una certa cautela secondo cui alcuni soggetti sembrano già immuni – o pre-immuni al Coronavirus pur non essendo mai stati contagiati: esisterebbe un legame tra l’immunità al Coronavirus e il raffreddore.

Leggi anche: >> RAFFREDDORE, OCCHI LUCIDI E GOLA INFIAMMATA: COME DISTINGUERE I SINTOMI DELL’ALLERGIA DA QUELLI DEL CORONAVIRUS

Un team di ricercatori californiani del Center for Infectious Disease and Vaccine Research presso La Jolla Institute for Immunology ha condotto uno studio su 20 pazienti convalescenti da SARS-CoV-2 e su altri 20 mai esposti: i risultati sono apparsi sulla prestigiosa rivista Cell e hanno rivelato che il sangue di 11 di 20 campioni del secondo gruppo, raccolto tra il 2015 e il 2018, aveva una risposta parzialmente immune al patogeno mondiale.

Leggi anche: >> COVID-19, CHI È STATO ESPOSTO AVRÀ PROBABILI DANNI PERMANENTI: GLI ORGANI PIÙ COLPITI

Il raffreddore rende immuni al Coronavirus? 11 soggetti su 20 hanno anticorpi Covid-19 senza contagio

Segno che alcuni californiani che hanno preso parte alla ricerca scientifica sono entrati in contatto in passato con altri coronavirus, evidentemente più deboli del Covid-19, per cui hanno sviluppati gli anticorpi.

Leggi anche: >> BIANCA ATZEI POSITIVA AL CORONAVIRUS, IL FIDANZATO  NO: SCOPPIA LO STRANO CASO, COM’È POSSIBILE? IL COMMENTO DELLA COPPIA

Potrebbe trattarsi di coronavirus legati al raffreddore: questa l’ipotesi degli studiosi che hanno approfondito la situazione dei soggetti già immuni anche se non sono mai stati effettivamente esposti a SARS-CoV-2.

Leggi anche: >> IL CORONAVIRUS? ESISTE DA PIÙ DI 100 ANNI, L’ORIGINE DEL PATOGENO DECENNI FA

In altre parole quasi tutti i pazienti già protetti e immuni al Covid-19 hanno generato una sorta di “cross-reattività” dovuta alle risposte immunitarie al virus che provoca il raffreddore con cui hanno avuto a che fare in precedenza.

Coronavirus, immunità col raffreddore: cautela nei risultati

Enrico Bucci, ricercatore in Biochimica e Biologia molecolare e professore alla Temple University di Philadelphia, ha commentato i risultati dello studio californiano esprimendo cautela:

Leggi anche: >> CORONAVIRUS, COME RAFFORZARE LE DIFESE IMMUNITARIE: I CIBI PIÙ INDICATI

“Adesso prima che stappate lo champagne, ecco i limiti di questo studio ed alcune altre considerazioni: il campione è molto piccolo. La percentuale di popolazione che può essere “preimmunizzata” non è quindi necessariamente del 50%, ma potrebbe essere molto più piccola (o più grande)”.