Coronvavirus, il farmaco che funziona nel 77% dei pazienti

Foto
Uno studio condotto a Brescia su 100 pazienti affetti da Coronavirus e trattati con il farmaco per l'artrite reumatoide, mostra che il 77% di loro è migliorato.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Da Brescia arrivano i primi risultati su uno studio condotto su 100 pazienti affetti da Coronvarius e trattati con il tocilizumab: il farmaco funziona nel 77% dei casi.

Coronavirus, il farmaco che funziona nel 77% dei pazienti

Leggi anche: >> IL CORONAVIRUS DURA DAVVERO 70 GIORNI? LE PREVISIONI ALLARMANTI DEGLI ESPERTI

Dati incoraggianti quelli che arrivano dallo studio condotto da un gruppo di specialisti di Anestesia e Rianimazione, Malattie Infettive, Reumatologia, Pediatria, Biochimica Clinica e Immunologia dell’Università degli Studi di Brescia. L’analisi di 100 pazienti trattati con il tocilizumab, il farmaco usato contro infiammazioni patologiche come l’artrite reumatoide, dimostra che il 77% dei casi è migliorato o rimasto stabile.

Leggi anche: >> COVID-19, SI È INFETTI GIÀ 3 GIORNI PRIMA DELLA COMPARSA DEI SINTOMI

Lo studio come si legge su Repubblica, che verrà pubblicato sul numero di luglio della rivista Autoimmunity Reviews, ha preso in considerazione 43 pazienti ricoverati in terapia intensiva e 57 fuori dalla terapia intensiva per insufficienza di posti letto. I dati presi a 24/72 ore dalla somministrazione del farmaco sono stati messi a confronto con quelli a 10 giorni dalla stessa.

I pazienti analizzati nello studio

Nei 43 pazienti di terapia intensiva, 32 sono migliorati, 1 è rimasto stabile, 10 sono deceduti. Dei 57 casi fuori dalla terapia intensiva, 37 sono migliorati, 7 sono rimasti stabili. 13 sono peggiorati (1o decessi e 3 sono stati spostati in terapia intensiva).

Leggi anche: >> CORONAVIRUS E INFARTO, QUEI DECESSI SOSPETTI: SINTOMI SIMILI, LA SCOPERTA A NEW YORK

“Complessivamente, a 10 giorni, la condizione respiratoria è migliorata o si è stabilizzata in 77 pazienti (77%), – ha spiegato Nicola Latronico dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione 2 e portavoce dello studio – di cui 61, in sede di esame di radiografia del torace, hanno mostrato una riduzione significativa delle lesioni polmonari e 15 sono stati dimessi dall’ospedale.”

La scala di valutazione utilizzata è stat la ‘Brescia – Covid respiratory severity scale’ che utilizza punteggi da 0 a 8 in ordine crescente in base alla gravità.

Crediti foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
Primo studio sugli effetti del tocilizumab
I dati sono incoraggianti
Dei 100 pazienti: 43 erano in terapia intenzi
I risultati dello studio
+1