Covid-19, il calcolo da fare per avere le reali statistiche

Foto
Arriva un nuovo post di Antonella Viola, immunologa dell’Università di Padova, che spiega quali siano i calcoli da fare per rendersi conto delle reali statistiche del Covid-19.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Le statistiche sul Covid 19 finiscono spesso nell’occhio del ciclone perché interpretate male o senza cognizione di causa: a darci una mano arriva l’immunologa Antonella Viola dell’Università di Padova, che spiega i calcoli da fare per ottenere le statistiche reali sui numeri della pandemia.

LEGGI ANCHE: — Influenza? È un errore tentare di abbassare subito la febbre

I calcoli da fare per ottenere le statistiche reali sul Covid-19

In un post su Facebook nel quale chiede di non banalizzare il Covid-19, la dottoressa Viola specifica che i parametri utilizzati nelle statistiche sul coronavirus sono tre: mortality rate, Infection Fatality Rate (IFR) e Case Fatality Rate (CFR).

Il mortality rate rappresenta il numero di morti sul numero di abitanti. L’IFR è il numero di morti su tutti i contagiati, compresi gli asintomatici. Il CFR è il numero di morti sui contagiati sintomatici.

Tenendo conto di questi assunti, continua la disamina dell’immunologa, non è corretto paragonare il Covid-19 all’influenza stagionale, anche perché facendo calcoli e confrontando statistiche ci rendiamo conto di quelli che sono i numeri reali.

“Non è corretto paragonare il Covid-19 all’influenza stagionale”

Innanzitutto, l’influenza stagionale ha una mortalità dello 0,1% circa calcolata in base al CFR. La mortalità del Covid-19 è calcolata sull’IFR, ed è attualmente stimata tra lo 0,5 e l’1%. Va da sé che i due numeri non sono paragonabili.

Ma allora perché non calcolare anche il tasso di mortalità del Covid-19 in base al CFR?

La risposta è già contenuta nel post della dottoressa, che spiega: “Le stime del CFR del Covid19 sono approssimative poichè la pandemia è in atto e poichè questo valore cambia moltissimo col cambiare dell’età e delle condizioni cliniche dei pazienti ma si stima ad oggi intorno al 2-3%, decisamente maggiore quindi dell’influenza stagionale”.

“Se a questo si aggiunge la contagiosità del SARS-CoV-2 e i lunghi tempi di incubazione e quindi di diffusione del contagio, nonchè il fatto che il nostro sistema immunitario non ha mai visto questo virus e quindi siamo tutti potenzialmente infettabili, si comprende come davvero sia assurdo banalizzare (ancora!) e confrontare COVID-19 con l’influenza stagionale. Basta stupidaggini e polemiche e lavoriamo tutti insieme”.

covid 19 statistiche reali
fonte: Facebook

Insomma, facendo bene i calcoli e confrontando le statistiche reali su Covid-19 e influenza di stagione, ci rendiamo conto che non sono affatto paragonabili.

Foto: Shutterstock

Guarda la photogallery
Covid-19 e influenza stagionale sono cose diverse
Ecco i parametri nel calcolo del Covid-19
Il paragone tra Covid-19 e influenza non regge
Ma allora perché non calcolare anche il tasso di mortalità del Covid-19 in base al CFR?
+1