4 Kg in meno con la dieta della camminata: come e quanto camminare

Foto
Due nutrizioniste italiane mettono a punto la dieta della camminata, che promette di far perdere fino a 4 kg al mese. Ecco di cosa si tratta
- - Ultimo aggiornamento
loading

Avete provato un po’ di tutto, ma non avete trovato ancora l’allenamento che fa per voi? Con la dieta della camminata potrete fare attività fisica e perdere fino a 4 kg. Ecco quanto bisogna camminare perché funzioni.

4 kg in meno con la dieta della camminata: come funziona e quante passeggiate fare

Leggi anche: >> HA PERSO 13 KG IN 2 MESI CON UN ESERCIZIO DI 5 MINUTI AL GIORNO: IL TRUCCO CHE IN POCHI CONOSCONO

L’attività fisica è importante, e anche una semplice camminata può essere un alleato straordinario per ritrovare la forma fisica perduta. A mettere a punto la dieta della camminata, sono state due nutrizioniste italiane Laura Valle e Sara Cordara che nel loro libro ‘La dieta della camminata. Forma e benessere passo dopo passo’, spiegano come funziona e quanto camminare.

Innanzi tutto l’attività fisica e la giusta alimentazione non devono essere una tortura ma un piacere. Con sol metodo delle due nutrizioniste potrete dire addio alla monotonia degli allenamenti in palestra o agli esercizi massacranti.

Leggi anche: >> ATTENZIONE A QUESTE 4 DIETE, SONO NOCIVE PER IL CORPO: ECCO COSA SUCCEDE ALL’ORGANISMO

“Ritrovate il vostro equilibrio naturale attraverso l’azione più spontanea che ci sia: il camminare. – si legge nella presentazione del libro – Da abbinare ovviamente a una dieta sana e bilanciata. E ricordate, questa non è una gara a chi dimagrisce più in fretta! Rispettate sempre il vostro corpo, scegliete uno stile di vita sano ma adatto a voi: la posta in gioco è la vostra salute.”

Si tratta non di fare una camminata saltuaria o guardando le vetrine dei negozi; piuttosto essere costanti e tenere un passo con un ritmo costante. Si può cominciare con una camminata di mezz’ora per poi allungare i tempi e arrivare a percorrere una volta ‘a regime’ anche 6 o 7 chilometri. Meglio farla al mattina e a stomaco vuoto, perché il nostro corpo durante la notte ricerca tutta la riserva di carboidrati.

Nella dieta della camminata ci sono 4 fasi principali.

1 – Depurazione: per tre giorni non si mangiano carboidrati e si prediligono alimenti leggeri che non affatichino reni e fegato.

2 – Rieducazione: per 7 giorni reintegriamo la nostra alimentazione con latte e derivati, legumi, cereali e uova.

3 e 4- Consolidamento e Mantenimento: la nostra alimentazione verrà integrata ulteriormente con carni e salumi magri e alcuni tipi di formaggio.

Leggi anche: >> PAURA DI RIANDARE IN PALESTRA? FAI LE SCALE, ECCO QUANTE CALORIE SI BRUCIANO

Il tutto ovviamente accompagnato da una camminata. Come dicevamo prima, si può cominciare facendola per mezz’ora tre volte a settimana. Piano piano aumenteremo il nostro tempo fino ad arrivare a camminare per 1 ora 5 giorni a settimana. Così facendo sarà possibile perdere fino a 4 kg al mese.

Fondamentale l’idratazione: ricordatevi di bere sempre prima durante e dopo la camminata. Prima di iniziare sarebbe bene assumere 700 ml di acqua; durante l’allenamento invece ogni 15 minuti sorseggiate 250ml. Una volta terminata la vostra camminata bevete ancora acqua, anche se non ne sentirete la necessità.

Anche se questa dieta arriva da due nutrizioniste esperte, prima di metterla in pratica vi consigliamo come sempre di rivolgervi al vostro medico per capire se questa è la strada giusta per voi!

Crediti foto@Shutterstock

Nota:il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Guarda la photogallery
Dimagrire camminando? E' possibile, ecco come
La dieta della camminata: la ricetta tutta italiana
Attività fisica e dieta sana e bilanciata
Nella dieta della camminata ci sono 4 fasi principali.
+1