I pomodori in scatola fanno male? Cosa devi sapere

I cibi in scatola sono spesso una soluzione alla cena per chi non ha molto tempo da dedicare in cucina. Ma fanno bene oppure no?
-
loading

I ritmi frenetici della vita ci hanno fatto apprezzare i cibi in scatola, soluzione ‘perfetta’ per quando non abbiamo tempo di cucinare. E spesso ci affidiamo anche a cose semplici come i pomodori in scatola per preparare un sugo velocemente. Ma fanno bene o male?

pomodori in scatola

I pomodori in scatola fanno male? Cosa devi sapere

Leggi anche:>> QUESTI CIBI RAFFORZANO LE DIFESE IMMUNITARIE E ALLONTANANO IL RISCHIO DI CONTAGIO DA VIRUS

In generale i cibi in scatola non sono una scelta salutare, anche se prendiamo cose semplici come i pomodori. Questo perché al loro interno vengono aggiunti conservanti, zucchero, sale e ingredienti aggiuntivi vari

In molti sono scettici nell’utilizzo di questi preparati soprattutto per la possibile presenza Bisfenolo A (BPA). Si tratta di una sostanza chimica che viene usata, spesso in combinazione con altre sostanze, per realizzare materiali in plastica e resine. Si trova spesso nei contenitori come ad esempio le lattine e nel rivestimento di barattoli usati per la conservazione degli alimenti e alcuni studi scientifici hanno evidenziato che questa tipologia di sostanza può essere dannosa per il nostro organismo. Potrebbe essere la causa di disturbi neurologici, comportamentali, diabete, cancro, infertilità maschile..

Secondo Robin Miller, nutrizionista e chef americano, questo timore è eccessivo. Gli studi condotti, ha fatto notare, sono stati realizzati utilizzando dei topi che hanno una capacità di smaltire il BPA molto più lenta rispetto a quella del corpo umano.

“I nostri corpi convertono il BPA in una forma inattiva se lo consumiamo con il cibo – ha spiegato Miller – a differenza di quando viene iniettato direttamente. La FDA afferma che il BPA è sicuro a livelli molto bassi che si trovano in alcuni alimenti”.

Tuttavia come scrivevamo all’inizio non sono una scelta salutare anche per gli ingredienti aggiuntivi. Il consiglio è quello di leggere attentamente l’etichetta sopratutto per controllare gli ingredienti utilizzati e vedere ad esempio quanto sale o zucchero è presente nella confezione. Se proprio non volete rinunciare al cibo in scatola, scegliete quelli conservati nelle bottiglie di vetro.

Crediti foto@Shutterstock