Minestra perfetta? Il tipo di pastina da utilizzare

Con il freddo una buona minestra calda è una coccola perfetta, ma quale pastina scegliere? Ecco come orientarsi
- - Ultimo aggiornamento
loading

La minestra in brodo è uno dei piatti che fa pensare all’invero; cosa c’è di più buono infatti un bel piatto caldo dopo una giornata fredda?! Ma quale pastina utilizzare e come realizzare la ricetta perfetta?

Minestra perfetta? Il tipo di pastina da utilizzare

Leggi anche:>> OCCHIO AL RISO IN BIANCO, SEMBRA DIETETICO MA NON LO È: ECCO PERCHÈ MEGLIO NON MANGIARLO

Stelline filini anellini, sono diverse le tipologie di pastina che possiamo mettere dentro il nostro brodo pemerttendoci così di creare un piatto sempre nuovo. Vediamo allora come realizzare la ricetta perfetta . Innanzi tutto cominciamo con il dire che le proporzioni sono importanti. L’esperienza in questo aiuta ma ci sono delle regole che possiamo applicare: per 40 gr di pastina servono 250 gr di brodo. Se la pasta è all’uovo allora dovremo aumentare un po’ il liquido.

Partiamo ora dalla preparazione della base: il brodo. È fondamentale per la riuscita del nostro piatto e lo si può fare di carne di verdure o anche di pesce. Per dare un tocco in più giocate con le spezie come pepe, chiodi di garofano, cannella, curcuma, cumino…

Una volta scelto che tipo di brodo fare, è arrivato il momento di scegliere la pasta da mettervi. La scelta va fatta in base a come vi piace la minestra: più brodosa o con un certa consistenza.

Ad esempio i filini sono perfetti se amate la consistenza; le classiche stelline e corallini invece si sposano con un risultato più brodoso. La base è un brodo di pollo o di verdure? Le midolline sono quello che fa per voi; ricordano un po’ i chicchi del riso e sono perfette per una minestra in cui aggiungere del formaggio.

Infine se il vostro brodo è di verdure o di pesce gli anellini sono la scelta migliore.

Crediti foto@Shutterstock