Non mettere cibi caldi in frigorifero, il motivo che devi conoscere

Foto
Conservare i cibi correttamente è importante sia per evitare sprechi che per proteggere la nostra salute. Ecco perchè quelli caldi non vanno in frigorifero
- - Ultimo aggiornamento
loading

Conservare i cibi avanzati è un ottimo modo per evitare sprechi, ma bisogna farlo correttamente. I rischi se sbagliamo la procedura sono diversi: dal dover buttare via ugualmente il cibo, al rischiare di compromettere la nostra salute. Se siete soliti mettere i cibi caldi in frigorifero, ecco perché non dovete farlo.

Non mettere cibi caldi in frigorifero, il motivo che devi conoscere

Leggi anche:>> CHE LAVORO FAI? QUESTA È LA DIETA ADATTA A TE

Si possono mettere cibi caldi in frigorifero? In verità la risposta corretta a questa domanda è: si, no, dipende. Se negli Stati Uniti si tende a mettere il cibo caldo nel frigo per evitare la formazione di possibili batteri, in Europa la tendenza è quella di far raffreddare a temperatura ambiente gli alimenti cotti, prima di riporli in frigo. Questo per evitare la formazione di condensa, un innalzamento eccessivo della temperatura interna dell’elettrodomestico e il rischio di danneggiare gli altri alimenti presenti.

Il frigorifero per raffreddare un alimento molto caldo, dovrà necessariamente impiegare una maggiore quantità di energia. Non solo, il ripiano potrebbe subire uno shock termico e come dicevamo, potrebbero risentirne negativamente anche gli alimenti già presenti.

Allora come comportarsi?

Prima di riporre gli alimenti cotti in frigorifero, è bene lasciarli raffreddare a temperatura ambiente. Divideteli in contenitori più piccoli così da accelerare il processo di raffreddamento. Potete utilizzare l’ammollo in acqua fredda per raffreddarli. L’importante è che riponiate gli alimenti in contenitori ermetici e non riempite in modo eccessivo il frigorifero. Una corretta circolazione dell’aria all’interno permette una buona refrigerazione del cibo. Gli alimenti così conservati vanno consumati entro tre/cinque giorni.

Infine ricordate che ogni ripiano ha una diversa temperatura. Solitamente quello più freddo è il più basso, sopra il cassetto delle verdure, mentre la parte più ‘calda’ corrisponde a quella dello sportello.

Crediti foto@Shutterstock

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Guarda la photogallery
Si possono mettere cibi caldi in frigorifero?
Cosa accade al frigorifero
Attenzione allo shock termico
Come comportarsi
+1