Pistacchi, i benefici che pochi conoscono: come si trasforma il corpo

Sono perfetti per dare quel tocco in più ai nostri piatti ma anche come sfiziosi snack. I pistacchi hanno eccellenti benefici naturali. Ecco quali.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Perfetti come aperitivo, ma anche da gustare come snack o per rendere più appetitosi i nostri piatti, i pistacchi hanno in realtà benefici che in pochi conoscono. Fanno bene alla nostra mente e al nostro corpo.

Pistacchi, i benefici che pochi conoscono: come si trasforma il corpo

Se state seguendo una dieta a basso contenuto calorico, se soffrite di obesità i pistacchi non solo un alimento adatto a voi in quanto molto clorici; inoltre come tutta la frutta in gusci bisogna fare attenzione alle allergie.

Il pistacchio è ricco di vitamine, sali minerali e fibre; non ha colesterolo, glutine e lattosio. Proprio per le sue qualità è usato spesso come rimedio naturale contro l’insonnia, per abbassare i livelli di colesterolo, per dimagrire e per la salute intestinale. Tuttavia vi consigliamo sempre di rivolgervi al vostro medico primo di intraprendere iniziative individuali.

Leggi anche: >> ZENZERO, È VERO CHE BRUCIA I GRASSI MA NON ESAGERARE: ECCO GLI EFFETTI COLLATERALI CHE POCHI CONOSCONO

Contro il Colesterolo:

Nel 2008 negli Stati Uniti è stato condotto un studio per verificare la relazione tra un consumo regolare di pistacchi e la diminuzione dei livelli totali di colesterolo. In modo particolare la riduzione del cosiddetto ‘colesterolo cattivo’ cioè Ldl, responsabile dei danni al sistema cardiovascolare. La maggior parte dei grassi che compongono i pistacchi sono di tipo monoinsaturi (diciamo i ‘grassi buoni’) e quindi aiutano a regolare i livelli di colesterolo nel sangue.

Insonnia:

Secondo alcuni i pistacchi aiuterebbero a combattere l’insonnia favorendo il ritmo sonno-veglia. Qualche pistacchio prima di andare a dormire e il rischio di insonnia dovrebbe essere evitato.

Dimagrire con ‘Il principio del Pistacchio’

Avete mai sentito parlare de ‘Il principio del pistacchio’? Ebbene questo principio è nato nel 2011 da uno studio condotto negli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista Appetite. Il dottor James Painter (presidente della School of Family and Consumer Sciences presso l’Eastern Illinois University), dimostrò che i pistacchi con il guscio, possono essere inserita tra gli alimenti slow food. L’azione di sgusciarli ci permette di vedere quanti ne stiamo consumando e quindi pone un freno ad un consumo eccessivo con il rischio di assumere troppe calorie. Questo processo è stato appunto chiamato da Pianter ‘il principio del pistacchio’: da l’illusione di essere sazi solo guardando quanti ne abbiamo già sgusciati.

Leggi anche:>>NON RIESCI A DIMAGRIRE? POTREBBE DIPENDERE DA QUESTO ORMONE

Salute Intestinale:

A dirlo è sempre la scienza. Questa volta lo studio è stato condotto in Gran Bretagna nel 2014 e pubblicato sul British Journal of Nutrition. La ricerca pone l’attenzione su come mangiare pistacchi possa influenzare in modo positivo la flora intestinale. I ricercatori hanno visto che tra le 16 persone selezionate per lo studio, quelli che mangiavano 70g di pistacchi al giorno hanno aumentato il numero di batteri potenzialmente benefici, capaci di produrre butirrato. Questo secondo la ricerca potrebbe essere una fonte di energia per le cellule del colon e giocare così un ruolo importante nella salute del nostro intestino.

Crediti foto@Kikapress

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.