Sai perché i biscotti oreo sono neri? Ecco cosa contengono realmente

Foto
Storici del cibo e alcuni scienziati si sono messi all'opera per risolvere un mistero culinario che incuriosisce molti: perché gli Oreo sono così neri?
-

Vi siete mai chiesti per quale motivo i biscotti Oreo sono neri? In tanti hanno provato a cercarne la spiegazione e addirittura sono stati scomodati scienziati per risolvere il mistero.

Sai perché i biscotti oreo sono neri? Ecco cosa contengono realmente

Leggi anche:>> ANCHE SE SEI GOLOSO, QUESTA TORTA FARAI FATICA A MANGIARLA

I biscotti Oreo in America esistono fin dal 1921, ma è dal 1956 che hanno l’aspetto che tutti noi conosciamo bene. In Italia hanno si contendono il podio di biscotto con la crema più buono con i Ringo Pavesi. Ma c’è una domanda che attanaglia la mente di molti americani e anche di noi italiani: come fanno gli oreo ad essere così neri? Sicuramente il responsabile deve essere un colorante.. Sbagliato.

Dalla casa madre, la Nabisco, assicurano che non vengono utilizzati coloranti, ma non rivelano il segreto del mistero. Non è la prima volta che un’azienda mantiene segreta la ricetta del suo prodotto di punta: basti pensare alla Coca Cola. Tuttavia, storici del cibo e alcuni scienziati non si sono dati per vinti e hanno cercato di risolvere questo mistero.

Il cacao è l’ingrediente principe di questi biscotti ed è anche il responsabile del loro colore. Van Houten, mastro dolciario olandese del 1800, aveva scoperto che alzando il ph del cacao prima di trasformare le fave in polvere, permetteva di rendere il prodotto meno amaro. Questa alterazione però, comportava un cambiamento di colore. E indovinate un po’? Da marrone il cacao diventava nero.

Sebbene la Nabisco non confermi ne smentisca la tesi, per molti il segreto del perché gli Oreo sono così neri, sta proprio nel metodo scoperto da Houten nel 1800.

Crediti foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
Vi siete mai chiesti per quale motivo i biscotti Oreo sono neri?
Il colorante è il responsabile... Sbagliato!
Gli storici del cibo e gli scienziati si sono messi all'opera
La scoperta di Van Houten, mastro dolciario del 1800
+1