Dieta di marzo, solo così fai il pieno di energie per il cambio di stagione

Foto
Arriva il cambio di stagione, e il nostro organismo potrebbe risentirne. Ma la dieta di marzo ci può mettere al riparo
- - Ultimo aggiornamento
loading

Cambiano le temperature e ci avviciniamo al cambio di stagione: ecco che la dieta di marzo, ci aiuta a fare il pieno di energie per contrastare eventuali malanni di stagione. In questo mese i banchi di frutta e verdura tripudiano di alimenti ricchi di vitamine e antiossidanti.

Leggi anche: >> VUOI DIMAGRIRE MA SENZA STARE A DIETA? INIZIA A NON ABBINARE MAI QUESTI CIBI INSIEME

Il fegato è probabilmente l’organo che più risente del cambio stagione. È un’importante ghiandola e contribuisce alla produzione di energie. I mesi invernali potrebbero averlo messo a dura prova con un carico maggiore di carboidrati. È bene quindi cercare di disintossicarlo; come? Mangiando le erette spontanee, i carciofi, il radicchio.

Nella dieta di marzo non possono mancare, il cavolo (nero, verza, cappuccino), i broccoli, il radicchio rosso, il tarassaco, gli asparagi e gli spinaci. Il porro è un alleato per favorire il transito intestinale, mentre la malva è un lassativo che non aggredisce. Per quanto riguarda la frutta, via libera a kiwi, pere, mele, mandarini, arance, e fragole.

Corrado Pietrantoni, medico in endocrinologia e malattie del ricambio e nutrizionista clinico a Lanciano, consiglia di alleggerire i pasti andando incontro alla primavera. La pasta meglio mangiarla 1 – 2 volte a settimana e preferibilmente la sera a cena, così da conciliare il sonno. A pranzo via libera alle proteine quali uova, formaggi freschi e pesce. Meglio evitare la carne, ricca di grassi saturi, così da lasciare depurare il fegato. Il pasto va accompagnato da una fetta di pane o una porzione di patate e da verdura di stagione. Quest’ultima deve essere presente anche a cena.

La verdura infatti, oltre ad abbassare il picco glicemico, aiuta a limitare i danni e l stress ossidativo e combatte l’invecchiamento cellulare.

La colazione deve essere composta da una fonte di proteine, alternata a bevande vegetali yogurt, kefir, latticini, una fonte di carboidrati e un frutto.

Come potrebbe essere dunque una giornata della dieta di marzo?

A colazione uno yogurt ed una fetta di pane tostato con un cucchiaino di marmellata di arance
A metà mattina, 3 mandarini
Pranzo: bocconcini di pollo al latte, agretti al limone e una fetta di pane integrale tostato
A metà pomeriggio, una pera e granella di mandorle
Cena, insalata di lattuga e pasta con asparagi

Crediti foto@Shutterstock

Nota:il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità  e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Guarda la photogallery
cambio di stagione, cambia l'alimentazione
Disintossicare il fegato
Dieta di marzo, cosa mettere in tavola
Come potrebbe essere dunque una giornata della dieta di marzo?