5 pasti al giorno? L’errore che facciamo tutti: ecco perché non dimagriamo

Non più 5, bensì 4 pasti al giorno. Ecco cosa suggerisce un nuovo studio e cosa dovremmo mangiare a tavola per garantire al corpo il giusto apporto di energia e, al contempo, per dimagrire.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Siamo cresciuti con l’idea che una sana alimentazione preveda 5 pasti al giorno. Benché facciamo attenzione a quanto e cosa mangiamo, però, non riusciamo a dimagrire. Che cosa stiamo sbagliando? Le cause possono essere molte, ma un nuovo studio suggerisce che basta fare 4 pasti al giorno.

Leggi anche : >> NON RIESCI A PERDERE PESO? NON ABBINARE MAI INSIEME QUESTI CIBI: IL MOTIVO

Lo studio

Già, non più 5 ma 4 pasti al giorno. Lo dice, come riporta Proiezionidiborsa.it, uno studio norvegese. Cambiando la propria alimentazione dai 20 anni una donna potrebbe vivere 10 anni in più. Un uomo invece 13. Vediamo allora come questo studio suggerisce di alimentarsi nel corso della giornata.

Le accortezze da avere a tavola

Prima di tutto sostituendo carne rossa e insaccati con gli ortaggi, i cereali integrali, legumi e pesce. Così facendo sarà possibile eliminare le brutte abitudini alimentari e sbarazzarsi del cibo spazzatura. Non solo: si dovrebbe anche riuscire a tenere sotto controllo il colesterolo e gli zuccheri nel sangue.

Il menù dei 4 pasti al giorno

Ma nello specifico come si dovrebbero comporre i 4 pasti al giorno di cui il nostro corpo ha bisogno?

A colazione si può iniziare la giornata con una bella tazza di cereali integrali con yogurt, frutta e miele. Potendo scegliere si può preferire lo yogurt greco, che ha un quantitativo di proteine maggiore e meno zuccheri di quello classico. In abbinamento vanno bene frutta fresca, frutti di bosco e noci, molto energetiche.

A pranzo via libera all’insalata di farro condita con olio d’oliva, foglie di menta e limone. Deliziosa. Si può arricchire questo piatto con verdura e legumi. Un bel pasto energetico e riempitivo per dare al cervello la giusta quantità di energia e ridurre il rischio di attacchi di fame anche notturni.

Per cena si consiglia salmone e pesce azzurro, cotti in modo semplice: al forno o anche alla piastra. Meno carne rossa lavorata si mangia, e meglio è.

Restano fuori gli spuntini di metà mattino e pomeriggio. Bene, fate scorta di noci. Queste sono una grande fonte di grassi buoni che fanno bene anche al cuore. Sono pure ricche di proteine e sufficientemente caloriche per dare quella dose di energia che ci serve quando viene fame.

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Foto: Shutterstock