La dieta mediterranea combatte la depressione, ecco perché

L'ennesima ragione per cui è consigliabile adottare la dieta mediterranea è il fatto che, secondo alcuni studi, può aiutare a prevenire anche la depressione. Ecco che cosa succede nell'organismo.
- - Ultimo aggiornamento
loading

Che la dieta mediterranea sia una ottima alleata della salute è cosa nota da tempo. Che però aiuti anche a prevenire la depressione è un’informazione non così nota. Eppure gli studiosi hanno condotto delle ricerche che hanno evidenziato proprio questo risultato.

Mangiare bene quindi può essere anche più efficace dei trattamenti specifici contro la depressione. Lo dice lo psichiatra australiano Michael Berk, docente alla Deakin University di Melbourne ed esperto di disturbi dell’umore e terapie innovative.

Leggi anche : >> DIETA, SOLO QUESTO È IL MOMENTO GIUSTO PER PESARSI: L’ERRORE CHE ABBIAMO SEMPRE COMMESSO

Perché scegliere la dieta mediterranea

Come riporta Repubblica.it, Berk è partito da quelle ricerche che hanno osservato l’influenza dell’alimentazione sulle malattie croniche, e in particolare della dieta mediterranea. In tale regime alimentare la presenza dell’olio d’oliva si è dimostrata superiore, in termini di benefici, a una generica riduzione dell’apporto di grassi.

Lo psichiatra si è quindi concentrato sugli effetti di un’alimentazione povera di carne rossa e grassi animali sulla salute mentale. Privilegiare alimenti come cereali integrali, legumi, frutta e verdura, noci ma anche vino, pesce, pollame e uova, può ridurre del 30-40% il rischio di sviluppare sintomi depressivi. A confermarlo è uno studio condotto su oltre 1000 donne australiane tra i 20 e i 95 anni.

Leggi anche: VUOI VIVERE PIU’ A LUNGO? MANGIA DI MENO E IN QUESTO MOMENTO DELLA GIORNATA

Come previene la depressione

Non è sbagliato considerare la dieta mediterranea, specie quando associata all’esercizio fisico, una vera e propria terapia. Essa rivela un’efficacia curativa maggiore del placebo. Ma come mai?

Tutti quei cibi ricchi di acidi grassi polinsaturi e omega 3 hanno un effetto benefico sulle membrane cellulari e sul microbioma intestinale. Inoltre riducono i livelli di trigliceridi, aumentano il colesterolo buono e l’azione antinfiammatoria. L’esatto opposto invece si verifica con cibi che contengono grassi idrogenati, sale e zuccheri aggiunti. In questa “lista nera” finiscono pure insaccati e carni rosse.

Per spiegare ancora meglio il legame tra alimentazione e depressione basti pensare che alcuni alimenti favoriscono uno stato infiammatorio poiché stimolano il rilascio di sostanze chimiche. Queste, chiamate citochine, scatenano la flogosi danneggiando i tessuti e alterando l’umore.

Una corretta educazione alimentare, dunque, è importante sin dalle prime fasi di vita di un individuo, e la dieta mediterranea è sicuramente un’ottima scelta in tal senso.

Foto: Shutterstock