Bere acqua a tavola può avere effetti indesiderati: n° di bicchieri d’acqua che puoi bere

Bere acqua durante i pasti fa male? Attenzione a questo rischio per la salute, ecco quanti bicchieri d’acqua possiamo assumere a tavola
- - Ultimo aggiornamento
loading

Da tempo immemore oramai siamo convinti che bere acqua durante i pasti faccia male, ma quanto c’è di vero in quello che sembra essere un assunto assodato? E cosa dicono gli esperti in merito?

Bere acqua durante i pasti, sì o no?

Come apprendiamo dal sito della Fondazione Veronesi, si tratta di un falso mito che va smentito, ma con le dovute cautele.

Siamo portati a credere che bere acqua a tavola ci faccia gonfiare di più, per questo molti di noi si concedono un bicchiere prima di mangiare e uno al termine di pranzo e cena, tuttavia gli esperti fanno sapere che possiamo assumere liquidi – chiaramente parliamo di acqua, non di alcolici o bibite gassate – per un massimo di 3 bicchieri al momento dei pasti.

Bere acqua soprattutto quando mastichiamo cibi secchi, come ad esempio il pane, la pasta, il riso o alimenti che non vengono deglutiti facilmente, è un toccasana per il nostro organismo.

LEGGI ANCHE:– Dieta prima di Natale per perdere fino a 3 kg: il menù e cosa puoi mangiare

L’acqua, infatti, ammorbidisce le pietanze per facilitare l’azione dei succhi gastrici che, come sappiamo, hanno un ruolo fondamentale nel lungo processo digestivo.

Il consiglio: non superiamo i 3 bicchieri

Se tuttavia esageriamo con i liquidi a tavola, il compito dei succhi gastrici verrà meno e la digestione sarà più difficoltosa.

Ricordiamo infine che non bastano 3 bicchieri d’acqua al giorno per coprire il nostro fabbisogno quotidiano: in media se ne consigliano 8 (discorso a parte per le donne in dolce attesa) senza contare l’apporto importante che deriva da frutta e verdura.

Nota: il presente articolo è il frutto di una ricerca e di una elaborazione di notizie presenti sul web. Con la presente l’autore, la redazione e l’editore declinano ogni responsabilità e invitano i lettori ad eseguire un’attenta verifica e a rivolgersi sempre ad un medico specialista.

Foto: Shutterstock