Carla Fracci e quei segreti sulla sua vita privata che in pochi conoscono

Dai sogni di ragazzina alle amicizie di spicco, il lato meno noto di Carla Fracci
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il mondo della danza e della cultura tutta piange Carla Fracci. La danzatrice si è spenta il 27 maggio 2021 dopo una lunga malattia. Se della sua impareggiabile carriera si sa più o meno tutto, forse in pochi conoscono alcune curiosità sulla sua vita privata. A partire da quel sogno di ragazzina di fare la parrucchiera.

L’approccio al mondo della danza

Già, perché l’approccio di Carla Fracci alla danza fu casuale. Lei stessa raccontò che ad accorgersi delle sue doti fuorono alcuni amici dei suoi genitori che vedendola ballare il valzer suggerirono loro di mandarla alla scuola di danza del Teatro alla Scala per le audizioni. La scuola era gratuita, anche perché le disponibilità economiche della famiglia non avrebbero potuto sostenere eventuali spese di questo tipo.

Leggi anche: >> PERCHÉ CARLA FRACCI SI VESTIVA SEMPRE DI BIANCO? IL CURIOSO MOTIVO SVELATO ORA

Gli insegnamenti dei genitori

Il padre della étoile era infatti un tranviere scampato dalla guerra di Russia. Sua madre, invece, era operaia alla Innocenti di Milano. Sono stati loro ad averle insegnato che il successo va guadagnato, e infatti Carla Fracci ha sempre lavorato con grande abnegazione.

Carla Fracci e le amicizie di spicco

Dagli anni ’60 la sua carriera prese il volo e la Fracci diventò una star internazionale. Tra le sue amicizie anche nomi eccellenti, come Rita Levi Montalcini ed Eugenio Montale. La danzatrice lo descriveva come un uomo ironico e tenero con il quale trascorse diverse vacanze a Forte dei Marmi. Montale le dedicò una poesia, La danzatrice stanca, inserita nel Diario del ’71 e del ’72, uscito nel 1973, e l’étoile raccontò che in quei versi il poeta colse una fase importante della sua vita: Carla Fracci, infatti, aveva smesso di danzare per la gravidanza (il figlio Francesco nacque dall’amore con il regista Beppe Menegatti), anche se solo pochi giorni prima aveva ballato L’Attesa al Castello Sforzesco.

Tra i suoi incontri importanti impossibile non citare anche quelli con Charlie Chaplin, che dopo averla vista ne restò ammaliato tanto da confidarle: “You are wonderful”, e con la regina Elisabetta.

Loading...