Grande successo per Susanna Nicchiarelli e il suo Nico 1988, a Venezia

Presentato nella sezione Orizzonti della 74esima Mostra del Cinema di Venezia, Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli riscuote 7 minuti di applausi.
- - Ultimo aggiornamento

Grande successo per Susanna Nicchiarelli e il suo Nico 1988, a Venezia

Susanna Nicchiarelli presenta alla Mostra del Cinema di Venezia 2017 in concorso nella sezione Orizzonti Nico 1988, lucido biopic dedicato agli ultimi anni di vita di Nico, musa di Andy Warhol e vocalist dei Velvet Underground negli anni 60

Quella che la Nicchiarelli ci mostra nel suo Nico 1988, è una donna appesantita dalle droghe e da una vita estrema, sola e con un unico grande rammarico: quello di aver abbandonato il figlio Ari nelle mani della famiglia. Vediamo Nico alla prese con un improbabile tour europeo; la musica, i testi la tensione sonora sono il suo credo ed l’autentico testamento di un’artista che si è sentita incompiuta ed infelice quando era bella e magra.

Susanna Nicchiarelli propone una regia asciutta e teutonica come la stessa protagonista: messi al bando i sentimentalismi, il racconto dell’avvicinamento al figlio Ari (avuto con Alain Delon), le passioni ed i sentimenti della protagonista passano attraverso lo sguardo di una grandissima interprete, Trine Dyrholm, cantante ed attrice danese.

Nico 1988 è il racconto di un percorso di riavvicinamento, non tanto di una madre con un figlio quanto di una donna con l’esistenza. Meravigliosa anche la scelta della colonna sonora in cui la musica è il traino della pellicola che non ha bisogno di appellarsi ad immagini di repertorio ed improbabili messe in scena per fare assaporare l’odore degli anni 80, l’energia dell’Europa dell’Est e di quella Berlino che cambierà per sempre il suo volto a pochi mesi dalla scomparsa di Nico.

Venezia 74 tutti i film in concorso