"Un personaggio da interpretare con tatto"

-

Sara ammette però di non aver mai incontrato la moglie di Enzo.

“Ho chiacchierato molto con Enzo, quello sì. – aggiunge – La parte più bella di quando interpreti una storia reale è che sicuramente vesti i panni di un personaggio e quindi, da attrice, devi costruire un po’ il tuo ruolo. Psicologicamente, però, sai anche che è una donna che ha vissuto realmente quelle cose. Cerchi quindi di interpretarla con il maggior tatto e la maggiore sensibilità possibile”.