Lo studio pubblicato sul Nature Medicine

-