Celentano insulta Aldo Grasso, risarcimento da 30 mila euro

Foto
C’è una linea sottile tra satira e insulto e Adriano Celentano – stando alle decisioni prese dal Tribunale di Milano – nel febbraio del 2012, […]
- - Ultimo aggiornamento

C’è una linea sottile tra satira e insulto e Adriano Celentano – stando alle decisioni prese dal Tribunale di Milano – nel febbraio del 2012, durante il monologo al Festival di Sanremo, l’ha irrimediabilmente oltrepassata.

SGOZZATA VIA GLUCK, SCOPPIA L'IRA

In quell’occasione, con gli occhi di milioni di telespettatori puntati addosso, il molleggiato chiamò Aldo Grasso ‘deficiente’, scatenando le più feroci ire del giornalista de Il Corriere della Sera. Per tutta risposta, infatti, Grasso querelò il cantante trascinandolo di fronte ai giudici che, dopo tre anni, hanno emesso la sentenza.

Adriano Celentano dovrà risarcire il noto critico televisivo con 30 mila euro più le spese processuali per le offese arrecategli in televisione. Il verdetto salato non farà di certo piacere al cantante che, da anni ormai, inveisce contro i personaggi di spicco del nostro paese, non importa che siano politici, conduttori, cantanti o come fece 3 anni fa, giornalisti.

SPOSINI, CAUSA DA 10 MILIONI ALLA RAI 

La decisione del tribunale di Milano di certo aprirà a nuove riflessioni sul delicato tema della libertà d’espressione e a nuovi scenari in merito ai limiti della satira in televisione.

Guarda la photogallery
Celentano insulta Aldo Grasso, risarcimento da 30 mila euro
Celentano insulta Aldo Grasso, risarcimento da 30 mila euro
Celentano insulta Aldo Grasso, risarcimento da 30 mila euro
Celentano insulta Aldo Grasso, risarcimento da 30 mila euro
+4