Detto Fatto, Caterina Balivo e il dolore per la morte del bambino tutor

Foto
DETTO FATTO, DOLORE PER LA MORTE DEL PICCOLO MICHELE Una notizia davvero triste ha invaso la redazione di Detto Fatto sconvolgendo Caterina Balivo che, sul […]
- - Ultimo aggiornamento
loading

DETTO FATTO, DOLORE PER LA MORTE DEL PICCOLO MICHELE

Una notizia davvero triste ha invaso la redazione di Detto Fatto sconvolgendo Caterina Balivo che, sul suo profilo Facebook ha annunciato che è morto Michele il bambino tutor con il sogno di diventare un grande cuoco.

STA PERDENDO LA SUA BATTAGLIA CONTRO LA MALATTIA

L'11 febbraio scorso, Michele è stato ospite della trasmissione pomeridiana di Rai2: il 14enne con la passione per la cucina era affetto da un tumore alla gamba che ha dovuto amputare ed era in attesa di volare a Dallas per iniziare una cura sperimentale. Purtroppo in America non ci arriverà mai.

“L'11 febbraio scorso tutti noi conoscemmo a @dettofattorai Michele, un ragazzo talentuoso in cucina, bravo a scuola e molto coraggioso e sorridente ad affrontare un brutto male. Ci conquistò per la sua serenità, solarità precisione e per la sua voglia di vivere.. Doveva andare a Dallas per una cura sperimentale a fine marzo, ma si è fermato nella sua amata Puglia, dai nonni dove desiderava aprire un ristorante con il nome di Falso Pepe. Ciao piccolo principe del cielo, da lassù proteggi la tua amata e unica famiglia ai quali mando il mio umile abbraccio. Da mamma e da donna c'è un dolore forte dentro di me… Buona notte ragazzi, ringraziamo sempre per quello che abbiamo, è da ieri che non posso credere che sia vero… Michele riposa in pace. Ci saremmo dovuti vedere dopo il tuo viaggio ma ci vedremo nell'altro Mondo”.

Morto Michele il bambino tutor di Detto Fatto

Caterina Balivo ha voluto condividere con i suoi fan, oltre al dolore per la perdita del piccolo chef, la mail che Michele aveva scritto a Detto Fatto, così da sottolineare che non bisogna mai smettere di lottare e che il suo coraggio di venire in tv deve essere da esempio per tutti.

“Cara Caterina – così inizia la mail del baby tutor – mi chiamo Michele, abito in Germania e ho 14 anni. Sono appassionato di cucina e da grande vorrei fare il cuoco. Purtroppo mi hanno diagnosticato un tumore alla gamba e ho dovuto fare un'amputazione. Ora sto molto meglio, vorrei fare una terapia sperimentale. Ti scrivo perché vorrei diventare tutor di cucina da voi per preparare i miei piatti. Penso che nessuno debba mai smettere di credere in ciò che vuole fare da grande”.

Guarda la photogallery
Detto Fatto, Caterina Balivo e il dolore per la morte del bambino tutor
Detto Fatto, Caterina Balivo e il dolore per la morte del bambino tutor
Detto Fatto, Caterina Balivo e il dolore per la morte del bambino tutor
Detto Fatto, Caterina Balivo e il dolore per la morte del bambino tutor
+2