Fantozzi 40 anni dopo, Paolo Villaggio dissacrante oggi come allora

Foto
A 82 anni Paolo Villaggio ha la voglia di dire la sua su ciò che lo circonda, di criticare l’Italia e gli Italiani attraverso uno […]
- - Ultimo aggiornamento

A 82 anni Paolo Villaggio ha la voglia di dire la sua su ciò che lo circonda, di criticare l’Italia e gli Italiani attraverso uno sguardo dissacrante e crudele, rimasto intatto a 40 anni dall’uscita dei primi due episodi di Fantozzi.

VILLAGGIO AI NOSTRI MICROFONI: NON SONO PRONTO PER… 

Il Festival del Cinema di Roma 2015 ha reso omaggio all’attore e al suo celebre, sfortunato, compassionevole personaggio che ha rappresentato – e continua a farlo – l’italiano medio dalla metà degli anni 70 fino ad oggi: questa l’amara verità che è emersa nell’incontro stampa di Paolo Villaggio, Anna Mazzamauro e Plinio Fernando con i giornalisti all’Auditorium Parco della Musica.

Paolo Villaggio ha rassicurato che nonostante l’età che avanza, è ancora lucido e cattivo come un tempo. Infatti nell’incontro con la stampa, l’attore ligure ha colto l’occasione per ribadire che l’Italia è tragica come il suo ragioniere: “Fantozzi oggi? Siete tutti voi. Non abbiate paura, non siete soli ad avere questa incapacità di essere felici. In quest'Italia di m***a? siamo tutti Fantozzi" ha detto.

 

“[…] L'italiano medio – ha proseguito – quando parla del suo Paese, dice che sono tutti ladri. In realtà non è vero disprezzo: gli italiani vorrebbero essere tutti ladri, ma non hanno avuto il coraggio di rubare. Il sogno di molti è di fare una rapina in banca".

Villaggio ha speso parole dure su Matteo Renzi inveendo contro la volontà del Premier di abbassare le tasse: “Questo però può essere anche un errore clamoroso – ha riflettuto l’attore – perché tagliare le tasse significa che la sanità per i poveri diventa un problema insormontabile: hai un tumore e chiedi un appuntamento dal medico; te lo fissano dopo sei mesi e a quel punto? si presenta la tua vedova”.

Infine la stoccata finale è dedicata a Papa Francesco: “Io ho un sospetto, quasi una certezza – ha ammesso al Festival del Cinema di Roma – questo papa argentino che è così furbo e così abile, che ha semplificato il linguaggio e che è così amato, sinceramente? Mi sembra che abbia paura della morte. Questo papa, come tutti i papi sa che non esiste l'aldilà promesso dei cattolici”.

Guarda la photogallery
Fantozzi 40 anni dopo, Paolo Villaggio dissacrante oggi come allora
Fantozzi 40 anni dopo, Paolo Villaggio dissacrante oggi come allora
Fantozzi 40 anni dopo, Paolo Villaggio dissacrante oggi come allora
Fantozzi 40 anni dopo, Paolo Villaggio dissacrante oggi come allora
+1