J-Ax presenta Sorci Verdi: ‘E’ un programma pulito, ma diverso. Basta con il politicamente corretto’

Foto
“Non so se sarà una bomba, ma spero che sia almeno un raudo lanciato nei bagni della Rai”. Queste sono le prime parole con cui […]
- - Ultimo aggiornamento
loading

“Non so se sarà una bomba, ma spero che sia almeno un raudo lanciato nei bagni della Rai”. Queste sono le prime parole con cui J-Ax, in conferenza stampa, ha presentato Sorci Verdi, il programma da lui condotto che da lunedì 5 ottobre andrà in onda su Rai2 in seconda serata, alle 23.30.

LA NOSTRA INTERVISTA A J-AX ALLA PRESENTAZIONE DEI PALINSESTI RAI

Un programma che deve “far riflettere e divertire”, “con una forte empatia per soggetti per cui di solito non ce n’è” ma con un “cinismo predominante”, che va ben oltre il politicamente corretto a cui siamo abituati.

È difficile descrivere Sorci Verdi basandosi solo sull’anteprima che abbiamo visto (e che il pubblico gusterà il 2 ottobre): nel coloratissimo salotto costruito in via Mecenate appositamente per il primo show di J-Ax, c’è spazio per la musica (dagli stacchetti della band di Paolo Jannacci alle battaglie videoludiche e parodistiche tra grandi della musica italiana), per la satira e per gli ospiti, che sembrano il vero piatto forte di questo poliedrico programma.

 

Sorci Verdi: gli ospiti, la formula late show e il 'politicamente scorretto'

“Nella prima puntata verrà Maria De Filippi, nella seconda ho Marco Travaglio, nella terza Cochi e Renato, nella quarta Fedez. La quinta è la puntata finale, voglio lasciarvi con una sorpresa. – ci spiega J-Ax – Mi hanno stupito, perché i primi due ospiti hanno rilasciato delle dichiarazioni inedite, che secondo me faranno molto rumore. Saranno prese di posizione chiare”. J-Ax non ‘spoilera’ oltre, anche se sembra chiaro che interrogherà i suoi ospiti su questioni importanti, come la legalizzazione delle droghe leggere e le unioni gay. Di certo, già il fatto di essere riuscito a portare personaggi richiestissimi come la De Filippi a casa Rai (sembrerebbe solo con un ok ‘a voce’ da parte di Mediaset), ci sembra un gran colpaccio ad opera del rapper, che pare trovarsi abbastanza a suo agio ormai nel mondo televisivo.

“C’è una differenza fondamentale tra la prima e la seconda puntata. – si giustifica però J-Ax – Sembra che mi abbiano tolto il palo dal c**o. Nella prima puntata ero molto emozionato. Devo dire che grazie alla professionalità di chi mi sta aiutando sono riuscito a portare a termine una puntata di cui sono orgoglioso, ma ero così emozionato che avevo un fischio in testa e sentivo una pressione incredibile, anche perché tutti ci hanno messo l’anima. Ora sono più rilassato, ma ho scoperto che fare la televisione è una cosa da pazzi. Pensavo di aver capito qualcosa con The Voice, ma avere un programma sulle tue spalle vuol dire seguire tutto ed è pesante”.

A proposito di The Voice, J-Ax non spende tante parole sul talent di cui è ormai giudice da due anni, ma ammette senza troppi giri di tenere più alla sua ‘creatura’ Sorci Verdi, per cui – in attesa di scoprire la reazione del pubblico a questo insolito late show (che non è propriamente un late show) – non è dato ancora sapere cosa accadrà nella prossima edizione del programma canoro.

“I late show americani non hanno i pupazzi, non hanno sketch cinematografici come quelli di Sorci Verdi. – precisa infatti J-Ax – Non so se è un late show o no, ma dice cose che di solito non si dicono ed è quello su cui punto io”. Sì, perché Sorci Verdi lascia spazio anche ai pupazzi, ovviamente sui generis: “Ascia (uno dei pupazzi, ndr) parla con la voce che avevo io negli anni ’90 e la sua voce è quella di Roofio dei Two Fingerz. Lui ha iniziato a fare questa mia imitazione in radio e mi faceva tanto ridere. Gli ho detto quindi di venire nel programma per rompermi i co***oni. Lui è qui, mi interrompe, però non è l’unico topo. C’è lui e il Pezza, due tamarri, uno di San Giuliano e uno di Corvetto. Poi c’è il Brambo, lo fa Albertino, e abita in zona ZTL, quindi ci rompe le pa**e perché dice che la Rai è da poveri”.

Il resto della squadra la completano il regista Gaetano Morbioli, mentre come consulente artistico troviamo Luca Aleotti (fratello di J-Ax), affiancato da Matteo Corradini, Matteo Lenardon, Virginia Ricci e Laura Tonini. Una squadra ‘antecedente’ all’ok della Rai alla realizzazione del programma, che J-Ax aveva in cassetto da un bel po’ di tempo.

Sorci Verdi fa quello che si fa già in seconda serata, solo che si fa nelle produzioni americane e non in quelle italiane. – prova ancora a spiegarci J-Ax – È un programma pulito rispetto a quello che già c’è in tv, è diverso e potente rispetto alle produzioni italiane che si cag**o addosso al pensiero di fare come gli americani. Non so se è una cosa voluta, ma i nostri sceneggiatori sono limitati rispetto a quelli statunitensi. È facile comprare un prodotto americano già venduto in tutto il mondo e dire che loro sono bravi e noi facciamo schifo. Bisogna cambiare le regole, la colpa non è di una persona sola. Non è colpa della Rai, ma di chi rompe i co***oni alla Rai, dei comitati delle mamme di sto ca**o che limitano la libertà di tutti. Dobbiamo finirla di farci guidare dal ‘politicamente corretto’, sta rovinando il dialogo sociale”.

Guarda la photogallery
J-Ax presenta Sorci Verdi: ‘E’ un programma pulito, ma diverso. Basta con il politicamente corretto’
J-Ax presenta Sorci Verdi: ‘E’ un programma pulito, ma diverso. Basta con il politicamente corretto’
J-Ax presenta Sorci Verdi: ‘E’ un programma pulito, ma diverso. Basta con il politicamente corretto’
J-Ax presenta Sorci Verdi: ‘E’ un programma pulito, ma diverso. Basta con il politicamente corretto’