E’ morta Carrie Fisher 1956, 2016, se ne va Leila la principessa di Star Wars

E' morta Carrie Fisher, 1956, 2016. Se ne va la principessa Leila di Guerre Stellari.  Famosa per suo ruolo di principessa Leila di Guerre Stellari, bellezza tipicamente […]
- - Ultimo aggiornamento

E' morta Carrie Fisher, 1956, 2016. Se ne va la principessa Leila di Guerre Stellari.  Famosa per suo ruolo di principessa Leila di Guerre Stellari, bellezza tipicamente anni 70 e talento incompreso. Iconstar del cinema di fantascieza ci lascia  orfani dell’ennesima figura di riferimento. Harrison Ford l’ha ricordata come una persona veramente unica. 2016, sequenza imprevedibile di decessi, oggi, 27 dicembre se ne va Leila, nobile di Guerre Stellari, sorella dei Luke Skywalker, fidanzata di Ian Solo, una figura mitica che travalica l’attrice. Sdrammatizzare è cosa utile, rimaniamo attoniti dall’ennesima dipartita giustificata anch’essa da problema cardiaco. Tutti ce ne andiamo perchè il tuo cuore si ferma, come soddisfare la nostra morbosa voglia di sapere. Figlia di Debbie Reynolds ed Eddie Fisher, Carrie Fisher è nata nel 56 a Berverly Hills, Los Angeles, California. A due anni il padre l’abbandona, lascia la moglie e si sposa con la Taylor. I drammi in famiglia sono ciclopici e amplificati dai media dell’epoca.

A diciannove anni, come la madre protagonista di Cantando Sotto la Pioggia, ha conosciuto il successo con Star Wars. Delicata, spiritosa, col personaggio volitivo di Guerre Stellari ci stava stretta. Sposata con Paul Simon per un anno, piccolina, occhi grandi, capelli marroni, attrice, scrittrice e cantante, Carrie Fisher è stata affetta da un disturbo bipolare, un gravissimo problema comportamentale che le ha condizionato l’intera esistenza. A questo si aggiunge una certa dipendenza all’uso di droghe e alcol che l’hanno portata a frequentare centri di riabilitazione e determinato molti problemi nella sua vita professionale e privata.

L’importanza di Carrie Fisher nel mondo del cinema, sebbene per tutti noi sia Leila,  è da attribuire forse più al suo ruolo di scrittrice che di attrice. La Fisher è stata scripts doctor di moltissime sceneggiature scricchiolanti. Hook – Capitan Uncino, Sister Act, Arma Letale, Made in America, Last Action Hero, Il Fiume della paura, Prima o poi Mi sposo sono solo alcuni dei film sui quali la Fisher ha messo le mani salvando le produzioni da sceneggiature improbabili.

Lo stesso George Lucas l’ha coinvolta nel suo progetto “Le Avvenute del Giovane Jones” per garantirsi uno script di livello Noi, oltre che come scrittriche, la ricordiamo come la principessa del messaggio olografico. La dama intorno alla quale ruota l’intera saga. La compagna di Ian Solo, la giovane principessa Leila votata alla salvezza del suo popolo per il quale rinuncia a tutto compreso il suo amore. L’ultima volte che l’abbiamo vista Carrie Fisher insieme a Harrison Ford compariva in Il risveglio della Forza, 2015, dove sottoposta ad una dieta che le ha fatto perdere ben trentacinque chili ha interpretato nuovamente il personaggio di Leila. Uno sforzo increidile una grande proba di volontà e desiderio di rilancio per poi essere irrisa da migliaia di haters anonimi accaniti sulla sua forma poco smaliante. Da li non l'abbiamo più vista fino alla notizia di oggi. Ci piace pensare che sia riuscita a superare anche questo momento così difficile e che se ne sia andata in pace, senza fantasmi e paure come avrebbe fatto la principessa di Star Wars