Occhio al riso in bianco, sembra dietetico ma non lo è affatto: ecco perché meglio non mangiarlo

Foto
Considerato il cibo dietetico per eccellenza, il riso in bianco in verità nasconde più di qualche insidia per la nostra linea a cominciare dalle calorie e dall’indice glicemico: ecco perché è meglio limitarne il consumo
- - Ultimo aggiornamento
loading

Per le nostre nonne il riso in bianco è la panacea di quasi tutti i mali: dai disturbi gastrointestinali al raffreddore, questo semplice piatto condito con olio e parmigiano ha il potere di rimetterci al mondo. Grazie al dilagare dell’amore per il sushi (FA INGRASSARE PIÙ DI UN HAMBURGER FARCITO), poi, è diventato un fashion food a tutti gli effetti, ma siamo sicuri che faccia davvero bene?

Il riso in bianco non è affatto dietetico, anzi: occhio alle calorie nascoste

Leggi anche: >> MASCHERA GIAPPONESE A BASE DI RISO: IL TRUCCHETTO ANTI-RUGHE

Chi si vuole mettere a dieta, spesso è convinto che il riso in bianco sia la soluzione a tutti i problemi di ciccia: d’altronde si pensa che i condimenti siano pochi e le calorie pure, ma non è affatto così. Per 100 gr. di prodotto, infatti, il riso in bianco fornisce 130 kcal senza considerare l’indice glicemico che, a seconda del metodo di cottura, può arrivare fino a un valore pari a 132.

Leggi anche: >> MANGI POCA PASTA PER DIMAGRIRE? STAI SBAGLIANDO TUTTO E ANZI RISCHI DI INGRASSARE, ECCO PERCHÈ

Non vi farà piacere sapere che proprio il riso in bianco bollito è tra i cibi con indice glicemico più elevato, dunque responsabile – a lungo andare – dell’aumento di peso. Come prevenire tutto ciò? Gli esperti consigliano di privilegiare sempre cibi meno raffinati, in questo caso il riso integrale, il riso rosso o il venere sono i più indicati se siamo a dieta.

Consigli per non ingrassare mangiando riso

Leggi anche: >> BEVI SOLO CAFFÈ AMARO PER PAURA DEGLI ZUCCHERI? ATTENTO A QUESTI (GRAVI) DISTURBI PSICOLOGICI

Inoltre è bene sciacquare sotto l’acqua il riso per privarlo dell’amido e una volta lavato, abbiamo diverse possibilità per contrastare il picco glicemico.

Possiamo cioè cuocere il riso in bianco in poca acqua calda per evitare che l’amido rimasto gelatinizzi oppure cucinarlo all’orientale: i chicchi vanno insieme all’acqua fredda che deve essere il doppio della loro quantità, poi basta coprire la pentola e lasciare andare a fuoco medio finché l’acqua non si sarà assorbita.

Leggi anche: >> PERDE 13 KG IN 2 MESI CON UN ESERCIZIO DI 5 MINUTI AL GIORNO: ECCO COME HA FATTO QUEST’UOMO

Infine è bene sempre accompagnare il riso in bianco a una porzione di verdure e/o proteine perché le fibre presenti in esse aiutano a tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue.

Zenzero, proprietà e effetti collaterali

Foto@Kikapress

Guarda la photogallery
Occhio al riso in bianco, sembra dietetico ma non lo è affatto: ecco perché meglio non mangiarlo
Occhio al riso in bianco, sembra dietetico ma non lo è affatto: ecco perché meglio non mangiarlo
Occhio al riso in bianco, sembra dietetico ma non lo è affatto: ecco perché meglio non mangiarlo
Occhio al riso in bianco, sembra dietetico ma non lo è affatto: ecco perché meglio non mangiarlo
+2