Stella di natale pianta significato. Perché si regala proprio a Natale

Foto
Tra le piante di Natale per eccellenza troviamo la Stella di Natale. Le sue origini sono antiche, la conoscevano già gli Inca e gli Aztechi che la usavano contro gli stati febbrili
- - Ultimo aggiornamento
loading

Tra le piante tipiche del Natale c’è senza ombra di dubbio la Stella di Natale. Una pianta conosciuta già ai tempi degli Inca e degli Atzechi e che se curata nel modo giusto dura tutto l’anno.

Stella di natale pianta significato. Perché si regala proprio a Natale

LEGGI ANCHE: — Pranzo di Natale, menù tradizionale e facile: cosa preparare dal primo al dolce

La Stella di Natale (scientificamente Euphorbia pulcherrima) è una pianta caratterizzata dal colore rosso di alcune foglie, disposte a forma di stella. In natura cresce come un alberello e può raggiungere anche i 3 metri di altezza. Scoperta per la prima volta in Messico nel 1520 a Tenochtitlán (la capitale dell’impero Azteco). I nativi del posto la chiamavano fiore che cresce dai residui e la usavano per combattere gli stati febbrili grazie alle sue proprietà antipiretiche.

Significato

Appartiene alla famiglia delle sempre verdi, e proprio per questo viene regalata come buon auspicio del ritorno della vegetazione, abbondanza e prosperità. Insieme all’agrifoglio e al vischio è una delle piante tradizionali che si regalano nel periodo natalizio.

Ci sono diverse leggende che ne raccontano le origini.

Secondo gli Aztechi, la pianta è nata dalle gocce di sangue di una dea, morta per un amore non corrisposto. In Messico si hanno più leggende la riguardano. Una narra che una ragazzina molto povera era triste perché non aveva nulla da poter donare per celebrare la nascita di Gesù. Un angelo le apparve e le suggerì di cogliere i fili d’erba lungo la strada. Lo fece, e appena iniziò, dei boccioli rossi apparvero nella vegetazione. Li raccolse e li lasciò davanti all’altare. L’altra leggenda narra che la pianta sia nata dalle lacrime di un bambino che non aveva potuto portare come dono altro che rametti legati con un nastro rosso. Le lacrime bagnando i rametti li trasformarono nella pianta che conosciamo.

La tradizione cristiana vede nella disposizione a stella delle sue foglie, la Stella di Betlemme e nel rosso il colore del sangue di Cristo crocifisso.

Tenetela in casa, ma attenzione: è velenosa per cani e gatti

Durante l’inverno è meglio tenerla in casa in un ambiente luminoso a temperatura mite. Non va annaffiata spesso, solo quando il terriccio è asciutto. Evitate che di lasciarlo umido o con ristagni di acqua. Attenzione: per i nostri amici a quattro zampe, sia cani che gatti, è velenosa. Il suo lattice è urticante e può causare loro problemi gravi.

Crediti foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
La Stella di Natale fu scoperta nel 1520
Il suo significato
Ci sono diverse leggende che ne raccontano le origini.
Dove tenerla d'inverno e attenzione a cani e gatti