Saldi invernali, i vestiti sono a rischio Covid? Le parole del virologo

Foto
Come affrontare i saldi invernali in modo sicuro: il virus resiste sui tessuti? Ecco i consigli del virologo
- - Ultimo aggiornamento
loading

Martedì 12 Gennaio sono iniziati i saldi invernali a Roma; un evento molto atteso che inevitabilmente porta alla mente alcuni interrogativi visti i tempi che stiamo vivendo. Provare i vestiti è sicuro? Il Coronavirus resiste sui tessuti? E una volta tornati a casa, è bene lavare tutto? A queste domande ha risposto il virologo Fabrizio Pregliasco.

Saldi invernali, i vestiti sono a rischio Covid? Le parole del virologo

Leggi anche: >> CORONAVIRUS, COME DISINFETTARE LE MASCHERINE PER RIUSARLE: ATTENZIONE A QUESTI ERRORI

Le domande che con i saldi invernali tornano a risuonare nella nostra mente, valgono per qualsiasi momento dello shopping vissuto in questo particolare momento. In occasione dello shopping natalizio, Fanpage aveva contattato il virologo Fabrizio Pregliasco. I consigli dati in quell’occasione tornano ad essere utili anche in questo periodo. Vediamo quali sono.

Innanzi tutto il pericolo di contagio che deriva dai vestiti è relativamente basso.

“Sappiamo che sul tessuto si possono trovare piccole cariche virali anche a distanza di tre giorni – ha spiegato il virologo e ricercatore del Dipartimento di Scienze biomediche per la salute dell’Università degli studi di Milano a Fanpage – ma sappiamo anche che dopo tre o quattro ore la carica virale si deteriora. Quindi la possibilità effettiva di essere infettati è molto limitata. Il rischio, semmai, è legato a dove mettiamo le mani”.

Tra i problemi maggiori legati allo shopping dei saldi invernali e alla pandemia è senza ombra di dubbio il rischio di assembramenti. Il consiglio è quello di evitare le ore e i luoghi più affollati. Confcommercio ha stilato un “decalogo dei saldi sicuri” su come fare shopping rispettando le regole anti Covid. In primis rispettare le distanze in caso di code, indossare sempre la mascherina e igienizzare le mani.

Disinfettare le mani è uno dei passi fondamentali da fare, anche secondo il virologo Pregliasco. Più che disinfettare i capi di abbigliamento, è fondamentale igienizzare le mani.“Per cappotti, borse e scarpe basta riporli nel guardaroba o nella scarpiera, o metterli a prendere aria” spiega.

Sappiate che per eliminare il virus dagli abiti è sufficiente un lavaggio a temperatura media, intorno ai 60°C spiega Pregliasco, ma quello che è fondamentale è usare il buon senso:

“Il problema principale rimane sempre l’assembramento: va sempre evitato il contatto prolungato con altre persone, anche in queste situazioni”.

Per quanto riguarda il provare i capi di abbigliamento all’interno dei negozi, non ci sono particolari indicazioni, salvo vedere quali procedure di sanificazione attua il negozio. I capi provati non dovrebbero essere rimessi in commercio immediatamente, ma solo dopo un’apposita santificazione.

Una volta comprato un capo, bisogna o no lavarlo? Questa è una buona norma indipendentemente dalla pandemia da Coronavirus presente in questo momento. Ci sono diversi rischi cui possiamo andare in contro non lavando i vestiti appena comprati: dermatiti, gastroenteriti, allergie, eczemi..

Come ha ricordato Philip M. Tierno professore di microbiologia e patologia alla New York University, quando proviamo un capo già testato da una precedente cliente, è come se noi stessimo toccando per certi versi la pelle di un’estraneo.

Crediti foto@Shutterstock

Black Friday lava i vestiti appena comprati
Guarda la photogallery
Saldi invernali ai tempi del Covid: ecco i consigli del virologo
Innanzi tutto il pericolo di contagio che deriva dai vestiti è relativamente basso.
Evitare gli assembramenti
Disinfettare le mani è uno dei passi fondamentali da fare
+3
Loading...