Royal Family, Euro 2020: questa sì che è passione per lo sport

In occasione della finale con l'Italia è uscita tutta l'umanità dei reali inglesi
- - Ultimo aggiornamento
loading

In occasione della semifinale c’era solo il principe William a tifare per l’Inghilterra. Kate Middleton era a casa in isolamento causa contatto con una persona risultata positiva al Covid. Ma per la grandissima finale di Euro 2020 che ha visto gli inglesi battersi con l’Italia, nello stadio di Wembley sono arrivati anche Kate e il piccolo George. La Royal Family (almeno con il primogenito) non ha voluto perdersi l’evento calcistico dell’anno ed è accorsa a tifare per la squadra del cuore.

Leggi anche:>> HARRY E MEGHAN TORNANO A LONDRA: I RUMORS DI KENSIGTON PALACE

Royal Family scatenata a Wembley

Siamo abituati a vedere la Royal Family aderire a rigidi protocolli comportamentali, ma domenica 11 luglio la finale di Euro 2020 ce l’ha fatta vedere sotto un’altra luce. Sebbene vestiti di tutto punto – anche il piccolo George indossava giacca e cravatta – davanti alle gesta dei calciatori è saltata la celeberrisma compostezza dei reali.

A un paio di minuti dal fischio d’inizio l’Inghilterra si è portata subito in vantaggio e la Royal Family ha esultato come avrebbero fatto dei tifosi qualunque. Baby George in particolare si è comportato come tutti i bambini della sua età. Gli occhi gonfi di gioia, un sorriso e una felicità incontenibile, le braccia verso il cielo e un abbraccio più vivo e caloroso che mai con mamma Kate.

Davanti alla nazionale di calcio non ci sono più differenze sociali che tengano: siamo tutti uniti sotto il segno della maglia di riferimento. Purtroppo per gli inglesi, però, l’Italia si è poi portata in vantaggio ed è riuscita ad arrivare ai rigori dove ha battuto gli avversari.

royal family stadio

Anche i reali soffrono

Anche in questo frangente è uscita tutta l’umanità della Royal Family. Sono diventate virali le immagini di mamma Kate, papà William e il piccolo George che faticano a mandare giù l’amaro boccone. George in particolare non riesce a celare la profonda delusione per la sconfitta, quella che un bambino di 7 anni fatica ad accettare.

Loading...