Charlene di Monaco, “anche i figli lo hanno capito”: la decisione per il loro bene

Alberto di Monaco si lascia andare a qualche confessione su Charlene e i figli a Paris Match: presa una decisione per il loro bene
- - Ultimo aggiornamento
loading

La macchina del fango intorno alla figura di Charlene di Monaco continua ad essere in funzione: l’ultima indiscrezione circolata sui siti di mezzo mondo la vorrebbe a Dubai sfigurata in volto dopo un intervento estetico finito male.

Tuttavia Alberto suo marito prosegue nel tranquillizzare tutti ribadendo quasi come fosse un mantra che la Principessa ha solo bisogno di riprendersi e rimettersi in forze. Al centro del gossip sono finiti per forza di cose anche i loro gemellini, Jacques e Gabriella, che certamente hanno avuto dei contraccolpi emotivi e psicologici dopo che per la seconda volta hanno visto mamma Charlene allontanarsi da loro.

Leggi anche: >> PERCHÈ CHARLENE NON SORRIDE MAI? IL TRISTE EPISODIO DEL PASSATO

Charlene di Monaco, figli consapevoli che la mamma non sta bene

Di recente il principe monegasco ha rilasciato una intervista online a Paris Match dove spiega come stanno vivendo questo periodo i figli, che poco meno di una settimana fa hanno compiuto sette anni.

Hanno reagito bene al nuovo distacco. Capiscono che la madre ha bisogno di riposare e la sostengono nella sua convalescenza mandandole tanto amore”.

Se anche i gemellini hanno capito che la Principessa doveva riprendersi, evidentemente lo stato in cui è tornata dal Sudafrica era piuttosto preoccupante.

Leggi anche: >> CHARLENE E I PROBLEMI DI PESO IN SUDAFRICA: COS’ERA COSTRETTA A MANGIARE

Con i bambini ora più che mai ci sono le due zie, Caroline e Stephanie, e visto che non vanno più a scuola ma ricevono lezioni a Palazzo Grimaldi, vengono a far loro compagnia alcuni piccoli studenti con cui studiano insieme.

Chi si preoccupa del fatto che i figli di Charlene di Monaco e Alberto stiano sempre da soli, può ricredersi:

“Non sono soli lì ma quattro loro compagni, due maschi e due femmine, li raggiungono e con loro vengono anche gli stessi maestri che li educano solitamente nel loro istituto. Proprio come se fossero a scuola”.

Foto: Kikapress