Vietati questi cibi in aereo: così rischi una multa da quasi 2000 euro

Foto
Progettate un viaggio? Attenzione ai souvenir alimentari che vorreste portare con voi. Ci sono cibi in aereo che potrebbero contravi caro
- - Ultimo aggiornamento
loading

Viaggiare permette di scoprire nuovi posti, assaporare nuovi cibi e tornare a casa con un bagaglio pieno di ricordi. Ma attenzione a cosa portate concretamente con voi specie se viaggiate in aereo. Le regole doganali di alcuni paesi sono molto ferree e potreste trovarvi a pagare una multa salata.

Leggi anche : >> NON RICARICATE MAI IL CELLULARE IN AEROPORTO: I GRAVI RISCHI CHE CORRIAMO SENZA SAPERLO

Lo sa bene un turista Indonesiano che al suo arrivo in Australia è stato multato di 2664 dollari australiani ovvero circa 1825€. La sua colpa? Nello zainetto aveva due McMuffin e un croissant al prosciutto. Ma Zinta, cane addestrato per la biosicurezza, ha avvertito l’odore ‘sospetto’ e scoperto l’incauto viaggiatore.

Una colazione decisamente salta per questo turista, ma poteva andargli anche peggio. In America le sanzioni possono arrivare anche a toccare i 10.000 $ ovvero 9827 euro. Anche l’Italia è tra i paesi che ha regole rigide sui cibi in aereo che possono essere importati, specie se si proviene da pesi extraeuropei. E le sanzioni riguardano ciò che viene messo nel bagaglio da stiva che in quello a mano.

Leggi anche : >> HOSTESS SVELA I SEGRETI PIÙ SCABROSI DEGLI AEREI: “NON USATE LA CARTA IGIENICA”: IL MOTIVO

Ma quali sono i cibi in aereo che non si possono portare?

Tra gli alimenti che non possono essere portati in Italia ci sono salumi, formaggi, cibi ripieni, a base di carne o che contengano latte o panna. Fanno eccezione nel bagaglio a mano gli alimenti per neonati.

In America sono vietati latte, uova, carne, pollame, foglie di agrumi e foglie di coca; il Giappone controlla anche i possibili libelli di radiazioni presenti negli alimenti. In Australia, non si può portare salumi, formaggi, verdure, frutta compresa quella secca, erbe, spezie e semi.

Cosa fare dunque? Per prima cosa informarsi su quali siano le regole doganali del paese in questione e se proprio non siete riusciti a resistere e all’ultimo in aeroporto avete comprato un gustoso souvenir, avvertite il personale di bordo. Se siete fortunati registrerà il cibo e potrebbe evitarvi la muta.

Crediti foto@shutterstock

Guarda la photogallery
Cibi in aereo: un souvenir che potrebbe costarvi caro
Una colazione da 1800 euro: questo il costo di 2 McMuffin e un cornetto al prosciutto
I cibi no per l'Italia
America, Australia e Giappone
+1