Alzheimer, queste attività casalinghe riducono il rischio: lo dice la scienza

Uno studio ha evidenziato come alcune attività (casalinghe e non) aiutino a scongiurare il pericolo di demenza. Ecco i risultati
- - Ultimo aggiornamento
loading

Molti odiano farle, eppure le attività casalinghe aiuterebbero a prevenire una malattia come l’Alzheimer. È uno studio condotto su oltre mezzo milione di britannici a rivelarlo. L’autore dello studio Huan Song, MD, PhD, della Sichuan University di Chengdu, Cina. ha dichiarato: “Il nostro studio ha scoperto che l’esercizio fisico, le faccende domestiche e le visite sociali sono collegate a un rischio ridotto di vari tipi di demenza”.

Leggi anche : >> DEMENZA E ALZHEIMER, QUESTO SINTOMO COMPARE NEL SANGUE 17 ANNI PRIMA: LE ANALISI DA FARE

Lo studio

La ricerca ha coinvolto 501.376 persone provenienti da un database del Regno Unito senza demenza, e con un’età media di 56 anni. Come riporta Greenme.it, i partecipanti hanno compilato questionari all’inizio dello studio, nei quali si chiedeva con che frequenza facessero attività come salire una rampa di scale, camminare e praticare sport faticosi. E ancora: attività casalinghe, passeggiate o giri in bicicletta.

Poi hanno compilato un altro questionario sulle attività mentali. Le domande erano sul livello di istruzione, visite ad amici e familiari, frequentazione di pub o club sociali e uso di dispositivi come computer, tv e telefono.

Queste persone sono state seguite per 11 anni. Alla fine dello studio, 5.185 persone avevano sviluppato l’Alzheimer. I ricercatori hanno scoperto che chi era molto impegnato tra esercizi frequenti, faccende domestiche e visite quotidiane di familiari e amici aveva rispettivamente il 35%, 21% e 15% in meno di rischio di demenza rispetto a chi era meno impegnato in queste attività.

La scoperta sulle attività casalinghe

Ciò vuol dire che lo studio ha scoperto che tenendosi impegnati spesso in attività fisiche e mentali si può ridurre il rischio di demenza.

Più nel dettaglio, coloro che svolgevano frequentemente le attività casalinghe avevano un tasso di 0,86 casi ogni 1.000 anni-persona, rispetto a 1,02 per le persone che raramente facevano le faccende domestiche.

Saranno pure faticose e antipatiche, ma a quanto pare le faccende domestiche possono aiutarci a scongiurare il pericolo di demenza. D’ora in poi prenderemo in mano scopa e spazzolone con un po’ più di sollievo.

Foto: Shutterstock