Coronavirus, truffe sui tamponi a domicilio: “Non aprite”

Foto
A pochi giorni dalla diffusione del Coronavirus in Italia, spuntano millantatori e sciacalli pronti a truffare gli anziani convincendoli a fare dei tamponi a domicilio. Il monito sui social: “Non aprite”
- - Ultimo aggiornamento
loading

Coronavirus, truffe sui tamponi a domicilio: il monito delle autorità

Come sempre quando si verifica un’emergenza, insieme all’assalto ai supermercati, si verificano anche spiacevoli episodi di sciacallaggio: a pochi giorni dall’arrivo del Coronavirus anche in Italia, tra Piacenza, Lecco, Torino e Milano sono arrivate diverse segnalazioni in merito a truffe sui tamponi a domicilio.

Leggi anche: >> CORONAVIRUS, SBAGLI SE TI LAVI LE MANI IN QUESTO MODO: IL PROTOCOLLO DELL’OMS PER EVITARE CONTAGI

Come funziona? Le dinamiche sono piuttosto semplici e fanno leva sulla psicosi legata alla velocissima diffusione di Covid-19. Dal comune milanese di Zibido San Giacomo è giunto sull’account ufficiale Facebook il monito a respingere qualsiasi approccio:

“Il comando dei carabinieri ci informa che alcuni truffatori si fingono paramedici che effettuano gratuitamente un test per il coronavirus, con l’obiettivo accedere alle abitazioni private e derubare le persone”.

Leggi anche: >> CORONAVIRUS SU CANI E GATTI? LA BUFALA CHE CIRCOLA SU WEB, COME STANNO DAVVERO LE COSE

Situazione più o meno simile anche nei pressi di Piacenza dove sono soprattutto gli anziani a ricevere telefonate da parte di sedicenti operatori sanitari che si propongono di effettuare tamponi a domicilio per fare prevenzione.

Anziani sotto attacco, col Coronavirus arrivano le truffe sui tamponi

Ricordiamo che non è questo il protocollo istituzionale da seguire: medici e infermieri sono infatti incaricati di eseguire esami e tamponi solo se allertati prima dagli stessi cittadini che – per accedere al servizio – possono rivolgersi al medico di base, al 118 o 1500.

Leggi anche: >> REAZIONI ESAGERATE DEI VIP AL CORONAVIRUS: SCENARI APOCALITTICI, È PSICOSI ANCHE TRA DI LORO?

Tentativi di truffe telefoniche sui tamponi a domicilio si sono registrati anche a Romano Canavese, in provincia di Torino, e a Lecco, ad opera di falsi volontari della Croce Rossa Italiana, che però, ribadisce sui social:

“Ci hanno segnalato strane telefonate. Siamo della Cri, veniamo a casa a farle il tampone. Attenzione è una truffa”.

“Non fidatevi di chi si presenta a domicilio per controlli, verifiche, non esistono medici che vengono a casa vostra per i tamponi se non siete stati voi ad allertarli. Nel dubbio chiamate sempre le autorità per una verifica”.

 

profezia sul coronavirus

Foto@Kikapress/Shutterstock

Guarda la photogallery
Coronavirus, è allarme truffe: attenti ai sedicenti operatori sanitari
Come funziona la truffa sul tampone a domicilio per il Coronavirus?
Seguire sempre il protocollo ufficiale se si riportano sintomi da Coronavirus
L'avvertimento della Croce Rossa Italiana per contenere l'allarme truffe