Festival di Sanremo, quella volta che… Curiosità (assurde) sulla kermesse

Il Festival di Sanremo è da sempre qualcosa in più della gara canora. Ecco le curiosità - alcune davvero strambe - legate all'evento musicale più importante del Bel Paese
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il Festival di Sanremo è da sempre uno degli appuntamenti più seguiti da noi Italiani. Per una settimana è come se il mondo si fermasse: le preoccupazioni di tutti i giorni finiscono nell’angolino e ci concediamo un po’ di sana leggerezza. Anche quest’anno la kermesse proverà a distrarci dalla nostra routine portandoci in un mondo fatto di fiori, canzoni e chiacchiere da bar. Pensiamo di sapere tutto su Sanremo, ma forse non tutti sono a conoscenza di alcune curiosità veramente strambe.

Leggi anche : >> SANREMO 2022, COME SI È PRESENTATO MORANDI? IL CANTANTE METTE “ALLEGRIA” NELLA CITTÀ DEI FIORI

La casa del Festival

Innanzitutto il Festival non si è sempre svolto nel Teatro Ariston. Quella è diventata la sua casa a partire dal 1977, tranne nel 1990. Prima invece si teneva in una sala del casinò di Sanremo.

Com’è nato il Festival di Sanremo

E a proposito dei bei tempi andati, la prima edizione della kermesse risale al 1951 e non fu esattamente un successo. Lo scopo per cui venne messa in piedi era il tentativo di ravvivare il turismo locale nella stagione invernale. Si sa, infatti, che d’inverno le città di mare non se la passano troppo bene.

A vincere fu Nilla Pizzi con “Grazie dei fiori”, ma oltre a lei c’erano soltanto due altri concorrenti Achille Togliani e il Duo Fasano. Questo perché inizialmente la gara era sui brani e non tra interpreti: i pochi che c’erano cantavano più canzoni a testa. A partire dal 1955 la Rai iniziò a trasmettere la kermesse che in breve tempo divenne un successo tale da continuare ancora oggi.

Curiosità su Sanremo: conduttori e fatti strambi

Tra le altre curiosità legate a Sanremo il record del conduttore con più Festival sul groppone. Si tratta di Pippo Baudo, con ben 13 edizioni. Seguono Mike Bongiorno (11) e Nunzio Filogamo (5).

A proposito di Pippo Baudo, nel 1995 successe una cosa davvero assurda. Un quarantenne disoccupato voleva buttarsi dalla balaustra della galleria. Il sangue freddo e l’intervento di Pippo Baudo evitarono la tragedia e consegnarono alla storia uno dei momenti più eclatanti del Festival.

In cerca di visibilità era anche la valletta Carla Puccini, che nel 1966 finse uno svenimento a favore di telecamera. Il conduttore Mike Bongiorno, però, avendo capito tutto, andò avanti come niente fosse.

I Queen si ribellano al playback

Le curiosità sul Festival di Sanremo a volte riguardano anche gli ospiti. Ad esempio i Queen, invitati nel 1984, trovarono il modo per mostrare disappunto verso la scelta imposta loro di cantare in playback. Freddie Mercury decise allora per protesta di allontanare più volte il microfono dalla bocca, così da rendere evidente il playback.

Un Festival poco femminile

Infine una curiosità su Sanremo un po’ triste: in 72 edizioni sono state solo 4 le donne che hanno avuto l’onore e l’onere di condurre il Festival. Si tratta di Loretta Goggi, Raffaella Carrà, Simona Ventura e Antonella Clerici.

Foto: Kikapress