Le orecchie dei cani vanno pulite? Cosa devi sapere

Foto
Nella prenderci cura dei nostri amici a quattro zampe a volte possiamo commettere involontariamente degli errori. Le orecchie dei cani ad esempio, vanno pulite?
- - Ultimo aggiornamento
loading

Prendersi cura dei propri animali domestici è importante, ma a volte certi di fare del bene si possono commettere alcuni errori. Ad esempio, le orecchie dei cani vanno pulite? Si ma a seconda della razza, delle abitudini e dello stile di vita del cane e di eventuali allergie, la pulizia deve essere più o meno frequente.

Le orecchie dei cani vanno pulite? Cosa devi sapere

Leggi anche:>> QUANTI ANNI UMANI HA IL TUO CANE? FORSE HAI SEMPRE SBAGLIATO A CONTARLI: LA NUOVA FORMULA

Oggi l’attenzione verso il benessere dei nostri amici a quatto zampe è sempre maggiore. A volte però, anche se il nostro operato è a fin di bene, possiamo commettere qualche errore. Come ad esempio lavare il cane troppo spesso o non pulire le loro orecchie.

Se avete dubbi su quale sia il giusto comportamento da avere con il vostro amico a quattro zampe, il vostro veterinario vi indicherà quali sono gli atteggiamenti giusti da seguire. Per quanto riguarda le orecchie dei cani, è bene controllarle spesso e far si che siano pulite. In linea di massima non vanno pulite tutti i giorni (a meno che non si stia seguendo una cura). Sono una parte molto delicata e sensibile, soggetta ad infiammazioni e anche a patologie.

E’ bene quindi controllarle e mantenerle pulite. In basa alla razza ci sono cani che hanno una maggiore predisposizione a malattie del condotto uditivo. E’ il caso dei cani con le orecchie cadenti, come cocker e bassotti; i barboncini sono molto delicati e il loro pelo riccio può causare problemi di ipertricosi. Ci sono poi alcune razze che hanno un’abbondante produzione di cerume.

Il padiglione auricolare e il condotto uditivo dei cani presenta delle differenze a seconda della tipologia di cane. I bassotti, ad esempio, hanno orecchie lunghe con un condotto uditivo più lungo di altri in cui si può accumulare cerume e tappi. Il consiglio secondo Christine Caplan, tecnico veterinario, è quello di pulirle in questo caso una volta a settimana.

Ci sono appositi detergenti e vi potete aiutare con i classici batuffoli di cotone o garze sterili. Siate delicati nei movimenti, non abbiate fretta e non andate troppo in profondità potreste causare danni. Assicuratevi che il vostro cane sia rilassato prima di iniziare la pulizia. Potete aiutarvi con qualche chicco come premio per tenerlo buono e convincerlo che in fin dei conti non è poi così male farsi pulire le orecchie. Di norma i cani non amano farsi toccare l’interno dell’orecchio (ma in fin dei conti a voi farebbe piacere?), perciò il consiglio è di abituarli fin da cuccioli a questa prassi.

Cosa guardare quando si controlla le orecchie del cane e i campanelli di allarme

Fate attenzione al colore della parte interna: tendenzialmente deve essere rosa o grigio rosato. Osservate se ci sia la presenza di bolle, tumefazioni o secrezioni e nel caso la risposta fosse affermativa, il consiglio è di farlo visitare dal vostro veterinario.

Tuttavia ci sono dei campanelli di allarme che vi possono mettere in guardia e far capire che forse la sporcizia nell’orecchio del vostro cane può essere dettata da altro o che il vostro cane ha un ‘problema’ all’orecchio.

“Se noti che il tuo cane scuote la testa, tenendo la testa da un lato, – ha dichiarato il dottor Brian Collins, veterinario del Cornell University College of Veterinary Medicine – o se noti uno strano odore o segni di dolore, chiedi al tuo veterinario di esaminarlo il prima possibile”.

Anche il grattare spesso la zona dell’orecchio può essere un segnale per dirvi che qualcosa non va.

Crediti foto@shutterstock

Guarda la photogallery
le orecchie dei cani vanno pulite?
Qual è il giusto comportamento?
controllarle e mantenerle pulite
Con cosa pulire le orecchie del cane?
+3