Le mete da NON visitare: ecco l’elenco dei posti meno consigliati del mondo

Foto
Il ponte pasquale è uno delle tante occasioni, per chi ne ha la possibilità, di concedersi un weekend lungo “fuori porta”: può trattarsi di una […]
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il ponte pasquale è uno delle tante occasioni, per chi ne ha la possibilità, di concedersi un weekend lungo “fuori porta”: può trattarsi di una gita di un giorno o di un viaggio più lungo, ma l’importante è fare attenzione alle mete da visitare.

Rick Stevens, giornalista di Usa Today, ha stilato un elenco delle località europee da non visitare: posti che forse sono un po’ fuori mano per il ponte di Pasqua ma che potete tenere a mente per i prossimi viaggi, sempre ovviamente che vogliate dare retta al buon Rick (che nella foga critica ha inserito tra le mete europee anche Tangeri, in Marocco).

COME ARREDARE IL BAGNO IN BASE AL PROPRIO SEGNO ZODIACALE: TUTTE LE DRITTE

Tra i nostri consigli, anche qualche spunto dal colosso di viaggi americano Fodor’s, che spiega come alcune mete siano sconsigliate anche per ragioni politiche o ecologiche.

Ma torniamo a Usa Today: sconsigliata dal quotidiano statunitense Land’s End, in Gran Bretagna, quello che dovrebbe essere il punto più a sud ovest dell’Inghilterra ma che per il giornalista è stato solo una grande delusione, ma anche la Blarney Stone a Cork, in Irlanda. Si tratta di una pietra che va baciata per ottenere il dono dell’eloquenza, ma sarebbe poco igienica e costosa, visto che all’uscita dell’attrazione si è obbligati a comprare la foto che immortala il gesto.

C’è anche una meta italiana fra quelle sconsigliate: si tratta del carcere Mamertino a Roma, il più antico di Roma, che si trova sotto la Chiesa di san Giuseppe dei Falegnami e dove sarebbero stati imprigionati gli apostoli Pietro e Paolo. Rick Stevens mette in guardia: attenzione, tutti gli elementi originali sono stati rimossi e la visita (che costava 6.50 nel 2014) è una delusione.

Fodor’s invece sconsiglia le Isole Galapagos e non perchè non valga la pena visitarle: il problema è il loro fragilissimo ecosistema che l’assalto turistico sta distruggendo. Anche uno dei luoghi più famosi al mondo, Machu Picchu in Perù, è stato tutelato dal governo che ha stabilito un numero massimo di visitatori ammessi: si rischia quindi di fare un lungo viaggio e poi non poterlo visitare.

Se invece il vostro sogno è vedere il Taj Mahal, il famosissimo mausoleo dell’amore di Agra, nell’India settentrionale, sapoiate che dal marzo 2018 è chiuso per restauro: l’inquinamento sta infatti erodendo la struttura, alla quale si tenterà di restituire il colore originale.

Per motivi politici sono invece sconsigliati il Myanamar, dove si sta consumando una tragica pulizia etnica ai danni della minoranza musulmana Rohingya, l’Honduras, uno dei paesi con il tasso di criminalità più alto al mondo (moltissimi gli omicidi nei confronti di omosessuali e transessuali), ma anche Cuba, per le complesse procedure di viaggio.

Il mondo è grande e le mete praticamente infinite: bene tenere a mente qualche consiglio per evitare delusioni!

LE METE ITALIANE PIU’ BELLE E MENO CONOSCIUTE: UN ELENCO DELLE BELLEZZE NASCOSTE 

Guarda la photogallery
Blarney Stone a Cork, in Irlanda: bocciata da Usa Today
Taj Mahal
Myanamar
Il carcere Mamertino a Roma
+5