20 marzo 2020, arriva la primavera: non succedeva da 124 anni

Quest'anno la primavera arriva il 20 marzo, in anticipo rispetto al solito: non accadeva da 124 anni e la spiegazione è tutta legata al 2020. Ecco qual'è
-
loading

La primavera quest’anno arriva ‘in anticipo’, l’equinozio sarà sì il 20 marzo ma ad un orario anticipato rispetto al solito e negli Stati Uniti a causa del fuso orario sarà il 19: evento che non succedeva da 124 anni. Ma perché arriva in anticipo rispetto al solito?

la primavera arriva il 20 marzo

20 marzo 2020, arriva la primavera: non succedeva da 124 anni

Leggi anche: >> ALLERGIE DI PRIMAVERA, STATE LONTANI DA QUESTI CIBI: ECCO GLI ALIMENTI CHE POSSONO PEGGIORARE LA SITUAZIONE

L’equinozio di primavera segna l’arrivo di questa stagione nell’emisfero settentrionale e dell’autunno in quello meridionale. Questo passaggio avviene tra il 19 e il 21 marzo ed è legato al movimento apparente del Sole che incrocia da Sud verso Nord l’equatore celeste, cioè la proiezione nel cielo dell’equatore terrestre.

“Lo scorso anno l’equinozio di primavera – ha spiegato l’astrofisico Gianluca Masi, come si legge sul sito dell’Ansa – si è verificato il 20 marzo alle ore 22,58 italiane, quest’anno cadrà il 20 marzo alle ore 4,50 italiane, ma quando nel 2024 avremo di nuovo l’anno bisestile l’equinozio di primavera sembrerà ancora più in anticipo rispetto a quest’anno perché sarà alle 4,07 italiane”.

Leggi anche: >> VUOI METTERTI A DIETA A PARTIRE DALLA PRIMAVERA? I TRUCCHI PER COMBATTERE IL CAMBIO DI STAGIONE

Non è dunque la prima volta che la primavera ‘arriva in anticipo’. La motivazione di questa oscillazione è legata agli anni bisestili, come è appunto il 2020, che ogni 4 anni aggiungono un giorno in più. Così mentre il doodle di Google sta già ricordando agli utenti che la primavera è alle porte, noi possiamo darle il benvenuto il 20 marzo a partire dalle 4 del mattino e preparaci a vivere il giorno in cui luce e buio avranno la stessa durata.

Crediti foto@Kikapress