Eclissi della microluna, ecco cosa succederà in cielo tra pochi giorni

L'evento è previsto per il 19 novembre, e anche se non sarà visbile dall'Italia c'è un modo per non perderselo
- - Ultimo aggiornamento
loading

Il cielo sopra di noi è sempre in grado di regalarci incredibili spettacoli e non di rado ci troviamo a rivolgere gli occhi verso l’alto per godere di un po’ di bellezza. E a breve avremo un altro motivo per farlo. Si tratta della eclissi di microluna, che cadrà il prossimo 19 novembre. La cosiddetta Luna del Castoro.

Leggi anche: >> ECLISSI LUNARE, ECCO COME INFLUISCE SU PERSONE, ANIMALI E PIANTI: GLI STRANI EFFETTI

Eclissi di microluna, che cos’è?

Ma che cos’è questa eclissi di microluna? Il 19 novembre, come riporta Greenme.it, il nostro satellite sarà vicino all’apogeo, che altro non è che il punto più distante sulla sua orbita rispetto al nostro Pianeta. Per questo motivo la luna potrebbe apparire più piccola di come siamo abituati a vederla (ecco spiegato il nome microluna). All’opposto, invece, con la Superluna accade il contrario. Certo il fenomeno della microluna non è spettacolare come la Super, ma non è per questo meno affascinante.

L’origine del nome

Assisteremo quindi alla eclissi di microluna del Castoro. Come spiega l’Uai (Unione Astrofili Italiani), la luna piena di novembre veniva chiamata in questo modo dai nativi. Il motivo? Si verificava nel periodo in cui si mettevano le trappole per i castori prima che le paludi congelassero in modo da far scorta di calde pellicce per l’inverno. Esiste però un’altra interpretazione, secondo cui il nome deriverebbe dal fatto che i castori in questo periodo si stanno preparando per il letargo. Un’altra denominazione di tale luna è Frosty, ovvero ghiacciata.

Dove si potrà vedere l’eclissi

E il discorso non si esaurisce qui, perché questa luna piena ci regalerà anche un’eclissi parziale. La cattiva notizia è che purtroppo non sarà visibile dall’Italia. Il nostro satellite infatti sarà sopra l’orizzonte solo per gli osservatori di alcuni Paesi europei, gran parte dell’Asia, Australia, Africa nord-occidentale, Nord America, Sud America, Pacifico, Atlantico, Oceano Indiano e Artico. Noi non saremo comunque tagliati fuori del tutto: potremo goderci lo spettacolo in streaming, evento per il quale è già iniziato il countdown.

Foto: Shutterstock