Visionarea Artspace: in mostra ‘Blu’ di Danilo Bucchi, dal 18 gennaio al 3 aprile

In anteprima assoluta per Visionarea la mostra che inaugura il nuovo ciclo di Danilo Bucchi, ‘Blu’: opening il 18 gennaio 2022
- - Ultimo aggiornamento
Visionarea Artspace: in mostra ‘Blu’ di Danilo Bucchi, dal 18 gennaio al 3 aprile

Sarà l’universo liquido di Danilo Bucchi, dal 18 gennaio al 3 aprile 2022, a inaugurare con l’anteprima assoluta di Blu – curata da Gianluca Marziani – il nuovo anno di Visionarea Artspace.

Danilo Bucchi al Visionarea: in mostra Blu

Blu è un nuovo regalo che Danilo Bucchi fa alla sua città, dopo Il paese dei balocchi, opera permanente presente al MAAM, Assolo a Tor Marancia, che lo ha visto anche protagonista alla Biennale di Venezia (15° Mostra di Architettura Padiglione Italia), e la mostra personale Lunar Black al MACRO di Roma, a cura di Achille Bonito Oliva.

Un regalo speciale che sancisce, nonostante l’animo cosmopolita e l’apprezzamento internazionale di Danilo Bucchi, il suo speciale rapporto con la città eterna, annoverandolo, di fatto, tra i suoi più acclamati artisti contemporanei.

Con le tele di grande formato di Blu, Bucchi torna nella sua Roma per narrare una novità sostanziale verso un colore ad alta caratura simbolica, elaborato con la consueta e meticolosa attenzione al rituale cromatico, al suo incidersi sul bianco netto dei fondali.

Lo sguardo divinatorio di Bucchi con Blu

“Danilo Bucchi si conferma un magnetico unicum nell’attuale panorama pittorico” spiega il curatore Gianluca Marziani.

“La sua identità iconografica lo colloca in un territorio limbico che ibrida la figurazione nel suo opposto e viceversa. Non esiste una lettura diretta e univoca del suo universo liquido, semmai ci si muove per slittamenti e somiglianze, dentro un contesto semantico che si identifica nel proprio stilema estetico, esaltando un processo autoreferenziale che è da sempre lo scopo ultimo della grande pittura, ovvero, la creazione di un proprio mondo che si dispieghi nei codici esegetici di uno sguardo divinatorio”.

CREDITI: Visionarea via HF4 / foto di Andrea Boccalini