Mistero ad Isernia, è l’unica provincia senza contagiati da Coronavirus

Foto
In Italia solo Isernia è rimasta senza contagiati da Coronavirus: un primato, quello del capoluogo molisano, basato solo su rigore e rispetto delle regole? Cosa ha svelato il sindaco
-
loading

Isernia senza contagiati da Coronavirus: la spiegazione

In Italia i contagiati sono più di 27mila, un numero che fa tremare tutti noi – e il resto del mondo – ma che incredibilmente non tange Isernia: è rimasta l’unica provincia senza contagiati da Coronavirus anche se gli abitanti non possono dirsi fuori pericolo.

Leggi anche: >> PERCHÉ IL CORONAVIRUS COLPISCE PIÙ GLI UOMINI CHE LE DONNE? LO STUDIO SUGLI ORMONI

Il capoluogo molisano conta circa 22mila abitanti, per un totale di 83mila in tutta la provincia e fin da subito il sindaco Giacomo D’Apollonio ha invitato alla responsabilità i suoi concittadini adottando misure preventive che fino ad oggi li hanno tenuti al riparo.

L’unico fortino “Coronavirus free”, infatti, ha da subito messo in campo controlli mirati per chi – come gli studenti fuori sede – rientrava dal Nord Italia e posti di blocco su strade e autostrade, nonché dato il via libera ad una generale sanificazione delle strade.

Leggi anche: >> ATTENZIONE ALLE MASCHERINE, IL MONITO DALL’OMS: “POSSONO ESSERE VEICOLO DI CONTAGIO”

Inoltre la popolazione, caldamente invitata a restare a casa e rispettare le regole imposte dal Governo Conte, ha potuto contare su un aiuto fondamentale da parte delle istituzioni: la spesa a domicilio per i più anziani, lasciata ovviamente davanti al portoncino onde evitare contatti.

Leggi anche: >> CORONAVIRUS E ALIMENTAZIONE: RISCHI, PRECAUZIONI IN CUCINA E CIBI PER FORTIFICARE LE DIFESE IMMUNITARIE

Isernia salva dal Coronavirus: le parole del sindaco

Il primo cittadino, intervistato dal quotidiano Repubblica, ha però fornito un’ulteriore spiegazione alla mancanza di contagiati da Coronavirus ad Isernia: oltre all’elevato senso civico della sua comunità, la “fortuna” del capoluogo del Molise è la grande presenza di spazi aperti.

“La mia gente ama stare all’aperto, abbiamo una larga campagna. Siamo pochi, ventiduemila in città, e con parecchio spazio intorno. Questo ci ha preservato, le distanze, i boschi, ma adesso – ha ammesso D’Apollonio – non è più sufficiente. Bisogna stare rintanati”.

maledizione del 20: ogni 100 anni arriva un'epidemia
Foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
Isernia, l'unica provincia salva dal Coronavirus
Il mistero di Isernia, perché non ci sono contagiati da Covid-19?
Sindaco di Isernia: provvedimenti mirati contro il Coronavirus
La
+1