Quando è nato davvero il Coronavirus? Più di 1 secolo fa, l’ultima ipotesi

Foto
Secondo uno studio di un gruppo di ricercatori, pubblicato sulla rivista Nature, il coronvarius sarebbe nato più 1 secolo fa. La sua origine? Naturale
- - Ultimo aggiornamento
loading

Un gruppo di ricercatori ha condotto uno studio sul coronavirus, pubblicato sulla rivista Nature, che getterebbe nuova luce sulla nascita di questo terribile virus. Sarebbe nato più di 1 secolo fa, per l’esattezza 140 anni fa e la sua origine sarebbe naturale.

Quando è nato davvero il Coronavirus? Più di 1 secolo fa, l’ultima ipotesi

Leggi anche: >> CORONAVIRUS E ALLERGIE, SINTOMI MOLTO SIMILI MA ATTENZIONE A NON CONFONDERLI: COME RICONOSCERLI

Stando a quanto riportato dallo studio, il 96% della composizione genetica del coronavirs è compatibile con un virus trovato in una grotta dello Yunnan (Cina), in cui abitano pipistrelli. Secondo lo studio, il virus si sarebbe ‘nascosto’ per 140 anni negli animali, staccandosi da loro e modificandosi, fino ad arrivare ai pangolini, i formichieri ritenuti l’ospite intermedio di questo virus. I pipistrelli infatti, non sarebbero responsabili dell’infezione all’essere umano.

Leggi anche: >> MASCHERINE OBBLIGATORIE SÌ O NO? CAUTELA CON QUELLE IN STOFFA, ECCO IL MOTIVO

Nonostante queste nuove scoperte, è bene rimanere molto attenti e studiare ulteriormente l’argomento. “E’ necessario un costante monitoraggio – spiega Rasmus Nielsen coautore di uno degli studi – e una maggiore vigilanza rispetto all’emergenza di nuovi ceppi virali di origine zoonotica”

Ma come avrebbe fatto il virus a diventare così forte da essere in grado di infettare in questo modo le cellule umane? La rivista cerca di dare una risposta a questa domanda, che potrebbe trovarsi nei rami dell’albero genealogico del coronavirus e con la familiarità di questi con quelli del virus presente nei pipistrelli e nei pangolini.

Crediti foto@Shutterstock

Guarda la photogallery
Uno studio pubblicato sulla rivista Nature racconta la possibile origine del virus
Il virus 'nato' in una grotta dello Yunnan
I pangolini: l'ospite intermedio del virus. Sono loro i responsabili della pandemia?
Servono costante monitoraggio e maggiore vigilanza
+1