La figlia di Fabrizio Frizzi al parco con Woody: un modo per ricordare il papà? Ecco come parlare di un lutto ai bambini

Foto
La figlia di Fabrizio Frizzi con la mamma Carlotta Mantovan al parco. In mano la bambina ha il giocattolo Woody, interpretato dal papà al cinema: un modo per ricordare il papà? Ecco come parlare ai bambini di un lutto e come superarlo
- - Ultimo aggiornamento

Da quel maledetto 26 marzo, la vita di Carlotta Mantovan e della piccola Stella è cambiata. La scomparsa improvvisa di Fabrizio Frizzi ha lacerato il cuore di sua moglie e quello della loro figlioletta. Un’assenza che si fa sentire ogni giorno, nonostante le donne della sua vita si stiano sforzando di andare avanti. Anche senza di lui.

LEGGI ANCHE: Carlotta Mantovan non lo aveva mai fatto prima della morte del marito: ecco cosa è successo durante la puntata di ‘Tutta Salute’

E sembra che Stella abbia trovato un modo per sentire ancora vicino il suo papà, anche mentre sta giocando. La bambina – come mostrano alcuni scatti pubblicati su Diva e Donna – ha trascorso un po’ di tempo al parco con la sua mamma.

Dalle foto, si vede che la bambina tiene in mano dei giocattoli e sembra non volersi proprio separare dal pupazzo di Woody, il cowboy protagonista di Toy Story, proprio quello a cui Frizzi prestò la voce nella versione italiana del film d’animazione della Disney.

Ci piace pensare che Fabrizio vegli sempre su Stella e Carlotta, stando loro vicino e guardandole con quel suo indimenticabile e affabile sorriso di uomo buono.

Ma come la figlia del compianto conduttore, tanti bambini, purtroppo, sono costretti troppo presto a fare i conti con la morte di una persona cara e non sempre è facile spiegare ai più piccoli perché accade.

Possono essere d’aiuto i consigli di Claudio Mochi, psicologo esperto il play therapy, che in un articolo pubblicato tempo fa ha provato a spiegare come comportarsi con i bambini in vista o durante un lutto.

Intanto, nonostante possa sembrare poco piacevole, sarebbe opportuno affrontare l’argomento della morte fin dall’infanzia, per aiutare i bambini a “comprendere “gradualmente” la morte come un evento naturale che è nell’ordine delle cose”.

D’altronde, sono i bambini stessi che, crescendo, maturano una loro idea della morte: dai tre anni in poi, si può provare a dialogare su questo tema, facendo attenzione a utilizzare un linguaggio adeguato all’età del bambino.

Sì, ma cosa dire ai piccoli di casa quando muore una persona cara? “Solitamente – spiega l’esperto – rispetto a questo argomento i genitori veicolano dei contenuti sulla base dei propri valori delle proprie convinzioni” e credo religioso.

Nello spiegare ai propri figli che un amico o un parente non c’è più, bisogna essere accorti a non turbarli: mai, ad esempio, dire che una persona che è morta sta dormendo, altrimenti il bambino potrebbe associare il sonno alla morte e avere difficoltà o addirittura paura di addormentarsi.

Come ogni persona, anche i bambini hanno bisogno dei loro tempi e modi per elaborare il lutto: aiutarli ad aprirsi per esprimere ciò che provano – rabbia, tristezza, angoscia, frustrazione – facendo loro capire che anche mamma e papà si sentono allo stesso modo, può essere davvero utile.

Infine, non dimentichiamoci del contributo che può dare al processo di superamento del dolore la dimensione ludica: giocare, scrivere, disegnare sono tutte attività che aiutano i più piccoli ad esternare le loro emozioni e i loro sentimenti.

(foto @kikapress)

Guarda la photogallery
Fabrizio Frizzi, Carlotta Mantovan e Stella
Carlotta e Stella
Fabrizio Frizzi
I bambini e la morte
+5