Principe Harry preso a pugni, intervento immediato della sicurezza: il momento esce fuori solo ora

Nel 2003 il Principe Harry ha rischiato di essere preso a pugni da quello che sarebbe diventato un parente: lo scherzo alla sicurezza
- - Ultimo aggiornamento
loading

Numerose volte il Principe Harry è balzato agli onori della cronaca, soprattutto in giovane età, per via dei suoi atteggiamenti e comportamenti poco regali, ma per una volta, quasi 20 anni fa, si è ritrovato inconsapevolmente al centro di un pesante scherzo che poteva finire molto male.

Harry, il parente che voleva prenderlo a pugni

Autore della burla Mike Tindall, attuale marito di Zara Philips che proprio Harry fece conoscere in Australia nel 2003. Mike è conosciuto per la sua oramai lontana carriera nel rugby e quando è stato escluso dalla squadra della Coppa del mondo di rugby, il duca di Sussex gli ha presentato la cugina Zara (figlia della Principessa Anna), che si trovava per un anno sabbatico in Australia.

LEGGI ANCHE:–  Nostradamus, la profezia su Harry fa tremare il trono: cosa accadrà a Carlo prima della sua incoronazione e al fratello William

Ma la storia interessante è che Tindall, dall’indole goliardica, ha rivelato che all’epoca gli venne in mente, complice il compagno di squadra Iain Balshaw, di testare la sicurezza del Principe Harry.

Mike Tindall “contro” il duca di Sussex

Il piano era cercare di dargli un pugno e vedere quanto ci mettevano le guardie del corpo a fermare il possibile attacco al duca. Beh, tutto era pronto e Mike Tindall era convinto di riuscire a beffare l’entourage del secondogenito di Carlo, ma la sicurezza si rivelò attentissima e efficace nell’intervento.

Il simpatico aneddoto è emerso soltanto l’anno scorso quando l’ex giocatore di rugby è apparso al Question of Sport Live al London Palladium… Scherzando sulla storiella ha anche ironizzato sul fatto che la Royal Family avrebbe voluto tirare un pugno a Harry e che la sicurezza non sarebbe stata così solerte nel difenderlo.

Foto: Kikapress