Visitare il relitto del Titanic si può: 100mila dollari per contribuire a renderlo immortale

Foto
L'americana OceanGate organizza vere e proprie spedizioni: ci si immerge in un mini-sommergibile ultra tecnologico, il Titan, che al prezzo di 100mila porta il visitatore "dentro" al relitto. Ma oltre all'esperienza turistica c'è di più, un progetto molto ambizioso
- - Ultimo aggiornamento
loading

Era il 15 aprile 1912 quando il transatlantico Titanic, a causa della collisione con un iceberg, affondava al largo di Terranova (isola canadese dell’Oceano Atlantico) durante il viaggio inaugurale da Southampton a New York: un naufragio drammatico, che portò alla morte di oltre 1.490 persone e che è entrato nel mito anche grazie al film di James Cameron del 1997.

Una vicenda, quella del naufragio dell’inaffondabile Titanic, che ancora oggi appassiona ed affascina: il relitto della nave non è mai stato recuperato ed è ancora lì, a 3.810 metri di profondità, monumento sotto il mare che celebra una delle più grandi tragedie della storia della navigazione moderna e contemporanea.

Leggi anche: L’incredibile viaggio di James Cameron nella Fossa delle Marianne

Il film del 1997, con Kaye Winslet e Leo Di Caprio, si apre proprio così: un gruppo di ricercatori sta analizzando le immagini del relitto, in quel caso alla ricerca di un prezioso diamante. Nella realtà quel tipo di esplorazione non è impossibile, a patto di aver un buon budget: la compagnia americana OceanGate Expeditions organizza delle immersioni verso il relitto, non semplici passeggiate turistiche ma vere e proprie missioni che durano sei giorni.

Il costo è di circa 100mila dollari, quello che all’epoca costava un biglietto di prima classe per il Titanic: si parte in gruppi di massimo 9 persone e si affronta un’esperienza subacqua a bordo di un mini-sommergibile ultra tecnologico, il Titan, creato appositamente per permettere la visione più ampia e particolareggiata possibile del relitto. Il Titan è equipaggiato con apparecchiature video di ultimissima generazione, in modo che ogni partecipante possa immortalare quello che vede e scegliere precisamente l’angolazione e i particolari che desidera.

Leggi anche: Titanic, tutto (ma proprio tutto) quello c’è da sapere sul film di James Cameron

Ogni partecipante si inabbiserà almeno una volta alla scoperta del Titanic, ma soprattutto in questi sei giorni parteciperà ad una missione per la quale deve essere preparato: recuperare più materiale video possibile, per sostenere il progetto di OceanGate, ovvero la creazione di una riproduzione tridimensionale fedele e in alta definizione del Titanic.

Questo permetterà non solo agli scienziati di rendersi conto dell’effettivo stato di deterioramento del relitto, ma anche di consegnare alle future generazioni una panoramica il più possibile precisa e perfetta di quello che fu il Titanic. Il disfacimento totale è infatti ineluttabile, anche se lontano nel tempo.

Ci si continua ad interrogare anche su una possibile futura operazione di recupero del relitto: negli anni gli ingegneri hanno proposto le strategie più originali (e assurde) per tirarlo su, dall’utilizzo di enormi magneti alle palline da tennis per riempire lo scafo, ma alla fine il costo di una simile operazione non sarebbe giustificato dal risultato, visto che probabilmente molti dei resti del transatlantico andrebbero in frantumi. E c’è anche chi ha fatto notare che quel relitto è una tomba per moltissimi viaggiatori, le cui spoglie riposano ancora lì sotto.

@shutterstock

 

 

Guarda la photogallery
Visitare il relitto del Titanic si può: 100mila dollari per contribuire a renderlo immortale
Visitare il relitto del Titanic si può: 100mila dollari per contribuire a renderlo immortale
Visitare il relitto del Titanic si può: 100mila dollari per contribuire a renderlo immortale
Visitare il relitto del Titanic si può: 100mila dollari per contribuire a renderlo immortale
+1