Lovegang 126, è uscito il primo singolo ‘Signor Prefetto’

Si intitola 'Signor Prefetto' il primo singolo della Lovegang 126, collettivo romano che riunisce tra gli altri Franco 126 e Ketama 126.
-
Lovegang 126, è uscito il primo singolo ‘Signor Prefetto’

La Lovegang 126 si prepara a lasciare un segno nella scena musicale romana e nazionale. È uscito il primo singolo dei membri del noto collettivo romano al completo. Si intitola ‘Signor Prefetto’ ed è disponibile da venerdì 21 aprile. Prodotto da Drone126 e Nino Brown, il brano mette insieme le penne (e le voci) di Asp126, Franco 126, Ketama 126, Pretty Solero e Ugo Borghetti.

LEGGI ANCHE : >> Loveclub, a Roma il clubbing powered by Lovegang 126

‘Signor Prefetto’, il debutto della Lovegang 126

‘Signor Prefetto’ è il primo singolo pubblicato dalla Lovegang nel suo insieme, a testimonianza e come manifesto di musica indipendente, autoprodotta e strafottente. A dimostrarlo è il sound estremamente old school del brano, in cui i campionamenti jazz e mellow rendono semplice ai membri del collettivo il ritorno alle origini, al suono con cui hanno iniziato a muovere i primi passi musicali.

Le 5 anime della Lovegang

‘Signor Prefetto’ è dunque una foto di gruppo: l’immagine in musica di una comitiva di amici cresciuti con la musica per diventare una famiglia. Il pezzo, cantato da cinque voci diverse, segue un flow liscio e coerente, nel quale le strofe di tutti concorrono a disegnare un rione che diventa mondo. Una generazione tra cuore, sangue e sentimento. Un singolo corale che fa sentire quanto sia l’amicizia il collante della Lovegang.

Perché quando la cultura dominante è prepotenza e violenza, la contro-cultura è amore, è Lovegang, oltre il buonismo.

Separatamente, i membri della 126 (126 sono gli scalini che collegano viale Glorioso a Via Dandolo, dove gli artisti si ritrovavano da ragazzi) negli ultimi anni fra trap e pop hanno portato un linguaggio fresco, immediato e autentico nelle classifiche di Spotify.

‘Signor Prefetto’ è il primo singolo, e ne seguiranno altri.

Credits: Beatrice Chima via HF4