Ostiense, VentiduePortoFluviale – Mela Mundi: il nuovo eco-murales di Zed1

Yourban2030, Porto Fluviale e lo street artist Zed1 riqualificano il quartiere Ostiense: ecco VentiduePortoFluviale - Mela Mundi
- - Ultimo aggiornamento
Ostiense, VentiduePortoFluviale – Mela Mundi: il nuovo eco-murales di Zed1

Sempre più Ostiense District: dopo aver visto la nascita del primo e più grande eco-murales d’Europa, in quel quadrante urbano che ormai si è fatto conoscere in tutto il mondo per i suoi esempi di Street Art, procede il processo di eco-riqualificazione urbana iniziato nel 2018 con Hunting Pollution. 

VentiduePortoFluviale – Mela Mundi, Ostiense più eco-friendly

VentiduePortoFluviale – Mela Mundi è, infatti, il nuovo eco-murales lungo 45 m e alto 6 che dal 27 giugno 2022 appare sulle mura di Via del Porto Fluviale, firmato da ZED1, voluto dalla proprietà di Porto Fluviale, in occasione del decimo anniversario del locale, a cura della no profit Yourban 2030 e con il patrocinio del Municipio VIII di Roma.

Leggi anche : >> UNLOCK THE CHANGES, IL PIÙ GRANDE ECO-MURALES DEL SUD È A NAPOLI

VentiduePortoFluviale – Mela Mundi, situato di fronte ad Hunting Pollution, segna non solo la nascita di un nuovo eco-murales, ma anche la creazione del primo quadrante urbano italiano eco-riqualificato con una superficie totale – in un’area di 2000 mq – di 1200 mq di pittura purifica-aria.

VentiduePortoFluviale - Mela Mundi
Foto: Guillermo Luna via HF4

È la storia del mondo attraverso gli occhi di una mela come simbolo e “messaggero” della natura stessa: un’originale narrazione a quadri – con finale a sorpresa all’interno di Porto Fluviale – in cui da Eva alla contemporaneità, passando per l’epoca romana e il Medioevo si racconta l’umanità attraverso un’inedita testimone con un invito preciso a riconciliarsi con la natura, nel rispetto dell’ambiente.

Le parole dei proprietari di PortoFluviale, Zed1 e Veronica De Angelis

“Con VentiduePortoFluviale vogliamo celebrare i 10 anni di attività – afferma uno dei proprietari Gino Cuminale – dare un seguito al profilo artistico che il locale sostiene già dalla sua nascita e, soprattutto, regalare a Roma una bellissima impronta artistica che, grazie alla vernice in grado di eliminare l’inquinamento atmosferico, possa essere anche un significativo apporto anti smog”.

“Il primo quadro che dà inizio al racconto di Mela Mundi rappresenta la prima mela per antonomasia” spiega Zed1, “quella di Eva, originaria e pura. Il secondo è il riquadro che rappresenta le differenze sociali.  Nel terzo riquadro, lo stesso vassoio con gli avanzi dell’imperatore è preso d’assalto da servi e schiavi. Con il quarto riquadro arriviamo nell’era delle Crociate, con un cavaliere che appicca il fuoco in nome di Dio. La rivoluzione industriale del quinto riquadro è l’inizio della contaminazione delle mele/natura, mentre il sesto racconta l’era contemporanea: in un mondo inquinato, la natura è ormai trasformata dall’uomo che sfoggia una mela cubica, innaturale, lontana dalle origini e dalla natura stessa. All’interno di Porto Fluviale il finale a sorpresa, che si fa auspicio: Eva riabbraccia la natura, inizia nuovamente il processo dell’umanità, che affida alle nuove generazioni il cambiamento”.

VentiduePortoFluviale - Mela Mundi
Foto: Guillermo Luna via HF4

“Già nel 2021” dichiara Veronica De Angelis, Presidente di Yourban2030 “per l’Anno Internazionale dell’Economia Creativa per lo Sviluppo Sostenibile, come no profit abbiamo iniziato a incontrare aziende e imprese, pubbliche e private, in un’ottica di Responsabilità Sociale d’impresa per sensibilizzare i singoli imprenditori per perseguire gli SDGS (Sustainable Development Goals) fissati dalle Nazioni Unite attraverso l’arte e la riqualificazione urbana, partendo dalle periferie. 

Con VentiduePortoFluviale – Mela Mundi, grazie a Porto Fluviale, torniamo lì da dove siamo partiti nel 2018. Ritrovarci qui di nuovo oggi conferma la formula virtuosa di Yourban2030 e della sua visione, in rete tra privati e istituzioni, verso una città sempre più a dimensione di bellezza e ambiente“.

Foto Guillermo Luna via HF4