Street Art in Italia, esce la prima guida alla scoperta dell’arte urbana nel Bel Paese

Anna Fornaciari e Anastasia Fontanesi, fondatrici di Travel on Art, firmano “Street art in Italia. Viaggio fra luoghi e persone”
-
loading

Torniamo a viaggiare e torniamo a sognare, a circondarci di arte e di cultura: dal 20 settembre orientarsi nell’immenso patrimonio che l’Italia offre sarà più facile grazie a “Street art in Italia. Viaggio fra luoghi e persone”.

Street Art in Italia, come orientarsi? 58 itinerari on the road

Anna Fornaciari e Anastasia Fontanesi, già fondatrici di Travel on Art, firmano infatti la prima guida focalizzata sull’arte urbana in Italia. Nata dalla penna, dallo sguardo e soprattutto dall’esperienza diretta di Anna e Anastasia – coppia nel lavoro e nella vita e sempre accompagnate dal loro cane – Street art in Italia. Viaggio fra luoghi e persone propone 58 idee per viaggi on the road.

Leggi anche : >> JDL, LA STREET ARTIST CHE VALE 3 MILIONI IN CRIPTOVALUTE: CONOSCIAMO LE SUE OPERE

All’interno del volume, sono raccontate 58 destinazioni che hanno trasformato la geografia e lo skyline delle città e dei borghi del nostro paese: la mission è avvicinarsi a un nuovo turismo on the road fatto di viaggi e percorsi a cielo aperto in cui l’arte urbana, effimera per definizione e in continua evoluzione, diventa un filo che traccia legami invisibili ma al tempo stesso indelebili tra territori e persone, attraverso graffiti writing, street art, neo-muralismo e opere pubbliche che strizzano l’occhio alle installazioni.

Anna e Anastasia: con Travel on Art supportano il turismo culturale contemporaneo

Street art in Italia. Viaggio fra luoghi e persone nasce da ore e ore di ricerca e scouting, da centinaia di incontri con artisti, direttori artistici, project manager: un viaggio durato 6 anni che Anna Fornaciari e Anastasia Fontanesi dal 2016 raccontano su Travel on Art, tra i primi blog italiani a occuparsi di turismo culturale contemporaneo.

Anna e Anastasia Travel On Art
Foto di Alice Vacondio via HF4

La guida diventa un cammino tra periferie rurali e urbane, accompagnato da foto, aneddoti e consigli pratici per scoprire progetti di arte pubblica al di là dei soliti itinerari: da Parco Dora a Torino ai Quartieri Spagnoli di Napoli, passando per borghi che ospitano “più opere d’arte che abitanti” come Camo, in Piemonte, e Stigliano, in Basilicata, le occasioni per rifarsi gli occhi sono numerosissime.

Street Art in Italia: raccontare le persone oltre ai muri

“Con Street Art in Italia – spiegano Anna e Anastasia – vogliamo raccontare il turismo culturale contemporaneo, evitando il mordi e fuggi, invitando ad approfondire i progetti non solo dal punto di vista artistico, ma anche culturale e sociale. Quando si parla di arte negli spazi pubblici infatti, non si può commettere l’errore di scindere l’atto artistico, dal territorio e dalle persone che lo abitano. Per questo, oltre a suggerire e condividere idee di viaggio, per noi è importante che questo libro racconti le persone, oltre ai muri. E’ questo il senso dell’arte urbana: un’arte effimera che serve per tracciare legami invisibili, ma al tempo stesso indelebili, con le persone”.

Credits: Alice Vacondio/Cosimo Calabrese via HF4